WhereAreWeGoing? A leggere il nostro tempo attraverso la pubblicità

Mauro Ferraresi, sociologo
“La pubblicità segue, amplifica e sottolinea cambiamenti già in atto; non anticipa l’evoluzione sociale, al contrario si nutre dello spirito del tempo”, dice il sociologo Mauro Ferraresi, docente di Sociologia dei consumi allo Iulm di Milano e di Analisi dei testi alla Faculté de traduction et d’interprétation di Ginevra, nonché autore di numerosi saggi.

Finora, consenso crescente hanno registrato temi quali l’ecologia (Un’azienda petrolifera propose uno spot con una barca a vela che veleggiava sulle strade italiane), la libertà di scelte sessuo-affettive (Con lo slogan “noi siano aperti a tutti” sotto la figura di due uomini che si tenevano per mano, un ipermercato ricordava di essere agibile anche di domenica), le famiglie multietniche (seduti a tavola per colazione ci sono padre madre e bambino certamente europei, la sorellina ha marcati tratti orientali), le unioni miste (certi biscotti piacciono tanto a un papà nero e ai suoi due stupendi figlioletti mulatti, la madre non si vede ma è certamente bianca), e poche altre questioni egualmente significative dell’aria del nostro tempo.

Finora.

Leggi il resto »

Egitto dopo Giulio. La vicenda giudiziaria di Ahmed Said

Ahmed Said con Gianluca Solera durante il convegno "Non solo Giulio Regeni". Milano, 20 gennaio 2017. Ph. Silvia Dogliani

Il 3 febbraio scorso, il corpo torturato e privo di vita di Giulio Regeni è stato ritrovato in Egitto, lungo la strada che collega Il Cairo ad Alessandria. Del ricercatore italiano che lavorava ad un progetto sui sindacati indipendenti egiziani presso l’Università americana al Cairo si erano perse le tracce dal 25 gennaio 2016, il quinto anniversario dell’inizio delle proteste che portarono alle dimissioni dell’allora presidente Hosni Mubarak.
Ad un anno dalla drammatica scomparsa di Giulio, vi presentiamo la vicenda umana e giudiziaria di Ahmed Said, chirurgo egiziano e attivista per i diritti umani, arrestato al Cairo il 17 novembre del 2016 e liberato esattamente un anno dopo. Lo abbiamo incontrato a Milano, durante il convegno “Non solo Giulio Regeni, la violazione dei diritti umani in Egitto” organizzato dall’Ordine degli avvocati di Milano, COSPE onlus, Amnesty International, il Festival dei Diritti Umani e Aoi con il patrocinio del Comune di Milano.

Di fronte ad un pubblico silenzioso e riverente, Ahmed inizia a raccontare la sua storia: “Quando ero in prigione, ho incontrato ragazzi giovanissimi, condannati a 15 o 20 anni per aver manifestato”.

Leggi il resto »

Samir Kassir Award for Freedom of the Press

The European Union launches the 12th edition of the “Samir Kassir Award for Freedom of the Press“. The Award honours the Lebanese journalist and writer Samir Kassir, assassinated in 2005.

“This award comes in an era of walls that are being erected everywhere around the world and not only in our region, and in an era when racism and political affiliations are infiltrating some of the press. We want professional journalism”, said Mrs Gisèle Khoury-Kassir, President of the Samir Kassir Foundation.

Leggi il resto »

Beirut opens the European Film Festival 2017



The European Film Festival will open today in Beirut until the 6th of February 2017 with the Italian film Perfetti sconosciuti (Perfect Strangers) by Paolo Genovese, which was awarded the David di Donatello for Best Film in 2016 The event is organised by the Delegation of the European Union in collaboration with the embassies and cultural institutes of the European Union Member States, under the patronage of the Ministry of Culture.

Leggi il resto »

Post precedenti «