Quando la fotografia è testimonianza

Serie Golfo Azzurro. Malta, 2017 ©santipalacios

Serie ‘Golfo Azzurro’. Malta, 2017 ©santipalacios

Una fotografia: un trentesimo, un sessantesimo, un centoventiciquesimo di secondo … racchiuso dentro  un’immagine. E quell’immagine è il racconto della realtà, una verità che può fare rabbrividire, gioire, arrabbiare, esultare, ma, soprattutto, non lasciare indifferenti. Ecco il potere della fotografia, quello di documentare il quotidiano intorno a noi.

Leggi il resto »

DoveStiamoAndando? A portare solidarietà


MOGADISCIO – “Oggi, in tempi di globalizzazione anche delle crisi internazionali, la necessità di investire nella Cooperazione allo Sviluppo penso stia passando da motivazioni umanitarie, altruistiche o solidaristiche, a considerazioni di tipo economico, sociale, politico“, dice Guglielmo Giordano, che da tre anni è capomissione della Cooperazione italiana in Somalia. Fino al 2000 stava alla Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo (per coordinare le nostre iniziative multi e bilaterali  con il Medio Oriente e il Nord Africa); in precedenza, per dieci anni alla FAO.

Cosa può fare, in Somalia, la Cooperazione Italiana?
Leggi il resto »

MOSTRE/No Stranger Place: a Parigi storie di accoglienza

Anaïs, Vincent, and their son César, host Afghan refugees Zulfeqar and Battarine in Saint-Priest. The Afghan couple are like second parents to the French toddler. © UNHCR/Aubrey Wade

In un momento di grande tensione tra Francia e Italiadopo il rifiuto da parte del nuovo governo italiano di accogliere la nave Aquarius con a bordo oltre 600 migranti e le successive critiche del Presidente Macron, si apre a Parigi la mostra fotografica itinerante No Stranger Place.

Leggi il resto »

DoveStiamoAndando? A cercare di portare solidarietà

Susanna Fioretti accolta nella sede a Kabul dai suoi collaboratori

ROMA – “Stiamo andando verso una crescente specializzazione, il che è certamente un bene in ambiti prettamente scientifici”, dice Susanna Fioretti presidente della Onlus Nove “ma il campo umanitario richiede una visione d’insieme – progetto, cultura ospite, tanti elementi all’apparenza irrilevanti in realtà determinanti. In varie occasioni ho suggerito, finora invano, la consulenza di un antropologo quando si prepara un progetto o una missione, per evitare di muoverci come i classici elefanti nella cristalleria”.

Leggi il resto »

Post precedenti «