Rivoluzioni culturali nei Paesi Arabi: moda, musica e arte contemporanea

Slimen El Kamel, La Tête Rose, 2016, Acrylic paint on canvas, 150 x 160 cm. Courtesy Sulger-Buel Lovell

Identità, migrazione, conflitto, decolonizzazione, ecco i temi scelti da sessanta artisti internazionali e 17 gallerie che dal 24 al 25 febbraio parteciperanno a “La foire d’art contemporain africain 1:54” a Marrakech, nell’elegante hotel La Mamounia. Un evento che negli ultimi cinque anni si era tenuto a Londra e a New York. Per l’occasione, la città marocchina aprirà al pubblico internazionale il suo nuovissimo museo  di arte contemporanea africana Al Maaden (MACAAL), presentato nel 2016 durante il COP22.

Leggi il resto »

 Mennel Ibtissem, la musica che unisce. Ma forse no



In questi ultimi giorni c’è stato in Francia un dibattito molto acceso sulla giovane cantante di origini siriane  Mennel Ibtissem , che nel popolare talent show The Voice, la versione francese in onda su TF1, ha partecipato con Halleluja di Leonard Cohen. Parte della canzone viene cantata in inglese e parte in lingua araba, la dolce melodia di Cohen si sposa perfettamente con le note nostalgiche del canto arabo. La musica unisce.

Leggi il resto »

Journalism grant: donne e opportunità nei Paesi in via di sviluppo

Quali sono oggi le opportunità per le donne che vivono nei Paesi in via di sviluppo? Se hai una risposta “innovativa”, sei un libero professionista e lavori nel settore della comunicazione, hai tempo fino al prossimo 21 febbraio (22:00 CET) per partecipare al bando lanciato da EJC, European Journalism Center. Il progetto fa parte del programma The Innovation in Development Reporting Grant  (IDR). In palio 200mila euro, con singole sovvenzioni pari a 20mila euro.

Leggi il resto »

Singapore. Thaipusam: trafitti per devozione

Thaipusam, processione religiosa a Singapore. Gennaio 2018. Ph. Silvia DoglianiRam è uno stock trader, un operatore di borsa, Siva è il responsabile della sicurezza di una ditta francese di petrolio. Si sono conosciuti da un amico comune. Da oltre un mese, dormono all’aperto, sotto il portico di casa, non hanno rapporti sessuali e si nutrono solo di latte, verdura e frutta.

Siamo a Singapore, la città del futuro
. Qui l’asfalto si illumina di notte, le piscine sono sospese nel vuoto, i giardini sono per lo più verticali, il sistema di monitoraggio del traffico è sinonimo di innovazione. Nella città-Stato più famosa del mondo per pulizia, ordine e sicurezza, c’è un quartiere dove la tradizione contrasta con tutto questo. Si chiama Little India ed è qui che Ram e Siva si sono dati appuntamento per partecipare alla festa Thaipusam, una processione religiosa degli indiani di etnia tamil.

Leggi il resto »

Post precedenti «