Ornella Rota

Dettagli sull'autore

Nome: Ornella Rota
Data di registrazione: 5 settembre 2011

Ultimi articoli

  1. DoveStiamoAndando? A imparare a mangiare — 26 aprile 2018
  2. DoveStiamoAndando? A capire perché stiamo male quando cambia il tempo (2) — 29 marzo 2018
  3. DoveStiamoAndando? A capire perché stiamo male quando cambia il tempo — 22 marzo 2018
  4. DoveStiamoAndando? A prendere appunti per un viaggio nel futuro — 21 dicembre 2017
  5. DoveStiamoAndando? A imparare l’autodifesa femminile — 7 settembre 2017

Articoli più commentati

  1. DoveStiamoAndando? A conoscere la Cambogia con l’aiuto di Pirandello — 3 comments
  2. Dove stiamo andando? Verso una società plurale — 2 comments
  3. Dove stiamo andando? A lavorare insieme — 2 comments
  4. DoveStiamoAndando? A curarci con gli animali: la zooterapia parla italiano nella terra di Didone — 2 comments
  5. DoveStiamoAndando? Tra guerre e terremoti, a provare compassione anche per gli ultimi degli ultimi — 2 comments

Lista post dell'Autore

DoveStiamoAndando? A imparare a mangiare

vigne-colli-tortonesi-piemonte-ph-a-ordagova

Vigne sui Colli Tortonesi, Piemonte. Ph. A. Ordagova

ROMA – Destinato a brillante carriera forense, un giorno Francesco Javicoli rientrò dall’università e comunicò l’intenzione di interrompere gli studi di giurisprudenza: “Non credo nella legge così come viene amministrata”, spiegò, “ho deciso che farò il cuoco“. Non batterono ciglio il padre, affermato professionista, né la madre, una nobildonna ironica, colta e curiosa; essenziale, risposero, è lavorare con serietà e soddisfazione. Adesso Francesco ha una quarantina di anni, alla serietà e soddisfazione ha aggiunto l’impegno ecologico, e ti fa sentire vagamente responsabile dei destini della Terra per le tue scelte alimentari – mangi polli ostriche pasta verdure dolci o cos’altro? Se poi ti piacessero manghi e ciliege…quanto inquina l’etere il trasporto in Europa delle ciliege cilene a Natale e dei manghi pakistani in giugno? Di più: quanto sottrai ai prodotti della tua terra?
Leggi il resto »

DoveStiamoAndando? A capire perché stiamo male quando cambia il tempo (2)

ROMA – la regola rimane quella classica, inderogabile: solamente i diretti interessati possono spiegare (se e dopo esserne diventati loro stessi consapevoli) le proprie emozioni, reazioni, sintomi. “Nulla è interpretabile se non all’ambito di una relazione all’interno della quale si sviluppa la trama di transfert e controtransfert”, dice la psicoanalista Giuliana Campanella. Coltissima, ironica, problematica, vive in una casa densa e raffinata come lei; fa parte della Società psicoanalitica italiana (SPI). “Di solito”, prosegue, “la psicologia e le varie ‘vulgate’ propongono significati ‘pass partout’, ossia validi per la generalità delle persone, un po’ come per millenni è successo per l’interpretazione dei sogni. In realtà il sogno – diceva Freud – è la ‘porta d’oro’ per entrare nell’universo dell’uomo; per arrivarci, strada maestra sono le libere associazioni che, all’interno del ‘setting’, l’analista deve sapere ‘dissodare’ per mostrare al paziente cose che, nel fondo, lui già sa”.

Leggi il resto »

DoveStiamoAndando? A capire perché stiamo male quando cambia il tempo

ROMA – Con un leggero fastidio e appena un sorriso, fino a non molto tempo fa ti rispondevano: “Dovresti andare a vivere ai Caraibi”. Oggi, che siamo meno ignoranti, riconosciamo che la meteoropatia è una patologia.

“Cause fisiche e psicologiche si intrecciano e i possibili rimedi possono essere molto diversi”, dice Sandro Mandolesi, specialista in chirurgia vascolare, docente a La Sapienza, da sempre curioso e studioso anche delle medicine “altre”.

I malesseri si instaurano per lo più in autunno/inverno, quando le giornate gradualmente si accorciano e la luce cala; però esistono anche (in numero certamente minore) persone che si sentono a disagio in primavera, o in estate, con il cielo alto e il sole.

I sintomi delle meteoropatie, in generale?
Leggi il resto »

DoveStiamoAndando? A prendere appunti per un viaggio nel futuro

The Dubai mall

Dubai –  La grande domanda è sul diffuso atteggiamento di sufficienza degli europei verso gli Emirati Arabi Uniti. Già, noi abituati a giocare con i millenni di storia e loro invece…niente, loro giocano con il futuro. Anzi lo studiano, se lo inventano: come al Mit, Sylicon Valley, Singapore, Bangalore, Pechino, Shanghai. Però: perché questi punti di riferimento sembrano più noti e citati di Dubai?

Leggi il resto »

Post precedenti «