Ornella Rota

Dettagli sull'autore

Nome: Ornella Rota
Data di registrazione: 5 settembre 2011

Ultimi articoli

  1. DoveStiamoAndando? A cercare di ricuperare il significato delle parole — 8 novembre 2018
  2. DoveStiamoAndando? Nel mondo, per cercare libertà su un tappeto volante — 25 ottobre 2018
  3. DoveStiamoAndando? A renderci conto di quanto l’Europa unita sia indispensabile — 11 ottobre 2018
  4. DoveStiamoAndando? A cercare di ragionare su migranti e migrazioni — 20 settembre 2018
  5. DoveStiamoAndando? A trasformare Cappelle nobiliari in ritrovi d’arte contemporanea — 13 settembre 2018

Articoli più commentati

  1. DoveStiamoAndando? A conoscere la Cambogia con l’aiuto di Pirandello — 3 comments
  2. Dove stiamo andando? Verso una società plurale — 2 comments
  3. Dove stiamo andando? A lavorare insieme — 2 comments
  4. DoveStiamoAndando? A cercare i migranti nei grandi classici — 2 comments
  5. DoveStiamoAndando? A curarci con gli animali: la zooterapia parla italiano nella terra di Didone — 2 comments

Lista post dell'Autore

DoveStiamoAndando? A trasformare Cappelle nobiliari in ritrovi d’arte contemporanea

ROMA – Che poi c’è una domanda, alla fine di tutte queste diatribe urlate, di questa malafede troppo ruspante per essere riciclata e rimessa sul mercato: vuoi vivere in un piazzale aperto ai venti del mondo oppure in un cortile a coltivare tradizioni?
“Nell’antica Roma, Tradizione era proprio il piazzale aperto”, ricorda Roberto Lucifero, antropologo per studi, pittore scultore scenografo per passione, creatore-direttore-gestore della Cappella Orsini per professione. “Quello spirito, vivificato dal messaggio cristiano, riproposto dall’Umanesimo e dal Rinascimento, è la cifra della cultura italiana”.

Leggi il resto »

DoveStiamoAndando? A ricuperare la fotografia come testimonianza

Emanuele Satolli

ISTANBUL – Fotogiornalista di punta per testate fra le più prestigioseTime,The Washington Post, Bloomberg Businessweek, CNN, Corriere della Sera, La Repubblica, InternazionaleEmanuele Satolli ritiene che “soltanto un linguaggio nuovo, capace di umanizzare il dolore degli altri, potrà contrastare il processo di assuefazioni alle visioni violente”. Un’intuizione verificata nel 2015 in Centro America, lavorando a un servizio sui migranti verso gli Stati Uniti: “Chiesi loro di aprire gli zaini e di permettermi di fotografarne il contenuto. Cosa si erano portati con sé? Chi scappa, lascia una vita e una casa normale, come le nostre. Noi immaginiamo persone e contesti diversi, lontani, ma non è vero: fuggono delle persone come noi…in medesimi frangenti faremmo esattamente quel che loro fanno”.

Leggi il resto »

DoveStiamoAndando? A cercare di rimanere umani

ROMA – Riflettono alcuni miserabili che se nel Mediterraneo aumenta il numero dei migranti affogati, diminuiranno le partenze: così sarà salva la razza italica, europea – e bianca. Nel frattempo, alcune fake news confezionate su tavoli non necessariamente nostrani vomitano escrementi che per molti costituiscono linfa. Per omissione di soccorso e omicidio volontario la procura di Palma di Maiorca intanto indaga la Guardia costiera libica, il capitano del mercantile Triades e “chiunque abbia avuto un ruolo” nel naufragio del 16 luglio nella zona Search and Rescued (Sar). Fondamentali, la testimonianza e il soccorso della Ong Open Arms di Badalona (Barcellona).

Lorenzo Leonetti, testimone di quel naufragio e sovente sulla Open Arms come volontario cuoco, sollecita la presenza a bordo, a fianco di giornalisti e operatori umanitari, anche di alcuni colleghi cuochi famosi, le cui equipe di collaboratori sono spesso composte per almeno la metà di migranti.

Chi sono i finanziatori?
Leggi il resto »

DoveStiamoAndando? A vivere con i gatti di Istanbul

Tobili, celebre gatto ad Istanbul, Turchia. Foto presa da Facebook

Istanbul – Qui si dibattono, incontrano e scontrano ideali che da millenni muovono la Storia del mondo, segnano la fisionomia degli Stati e condizionano la vita dei singoli. Culture, memoria e genti si affiancano, intrecciano, sovrappongono e ripropongono in un ininterrotto fluire di stimoli emotivi, estetici, intellettuali. Garante del suo proprio mito, il Bosforo scontorna ed esalta, separa Oriente e Occidente e li unisce per l’eternità. Lungo belle strade bianche, i cimiteri ottomani accolgono il tempo del mondo – inaspettati e rassicuranti, magici e maestosi.

Leggi il resto »

Post precedenti «

» Post successivi