«

»

Identità e riscatto sociale al carcere di Bollate

Riaprono al pubblico le porte del carcere di Bollate in occasione dello spettacolo Il rovescio e il diritto liberamente ispirato agli scritti giovanili di Albert Camus e messo in scena dalla compagnia del Teatro in-Stabile.


________________________________

Il lavoro, dedicato al senso di identità personale, alla ricerca di se stessi che spesso rincorrendo tante vite possibili, è, insieme a un altro spettacolo, Psycopathia Sinpathica, diretti da Michelina Capato Sartore, parte del progetto di recupero dei detenuti.
Attraverso gli spettacoli, infatti, viene portato all’attenzione del pubblico anche il significato del fare cultura in carcere come opportunità di integrazione tra il dentro e il fuori, basata all’incentivazione dell’autosufficienza economica e dell’autonomia socio-professionale delle persone detenute in modo da offrire loro una prospettiva concreta di reinserimento lavorativo una volta scontata la pena.
Altre repliche dello spettacolo Il rovescio e il diritto sono previste il 31 gennaio e il 2 febbraio.

Info:
Cooperativa Estia
Pagina Facebook: Estia carcere di Bollate
Ingresso: offerta libera
Prenotazione obbligatoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *