«

»

L’islamofobia, un nuovo razzismo?

MIGRATIONisDopo l’uscita del libro Islamophobie, comment les élites françaises fabriquent le “problème musulman” e l’analisi degli autori – i sociologi Abdellali Hajjat e Marwan Mohammed – sul “consenso nazionale” intorno all’idea che l’Islam e la presenza dei musulmani in Francia creino dei “problemi” (L’islamophobie va au-delà d’un simple racisme – Le Monde 28 settembre 2013), Stéphanie Le Bars, giornalista del quotidiano francese Le Monde, affronta il tema spinoso dell’islamofobia in una chiacchierata con i lettori del giornale online. Le Bars ritiene che le discriminazioni sotto diverse forme di razzismo “coesistono e talvolta si sovrappongono così facilmente da divenire indistinguibili”.

Delama : Qual è la definizione accettata del termine “islamofobia” ?

Stéphanie Le Bars:  Dal punto di vista della maggior parte degli osservatori , l’ islamofobia è un termine viziato perché suggerisce una collettiva “paura ” dell’Islam . Si è imposto gradualmente per diversi anni come la definizione di azioni, di sentimenti di pregiudizio contro i musulmani o presunti tali.

Delama: il termine islamofobia è stato inventato nel 1979 dai mullah iraniani che volevano far passare le  donne che si rifiutavano di indossare il velo come delle “cattive musulmane”, accusandole di essere ” islamofobie”. Qual è esattamente l’origine della parola ?
Secondo i ricercatori, questa parola è stata usata per la prima volta in francese nei primi anni del XX secolo dagli antropologi che lavorano in Africa: riguardava il rifiuto della religione musulmana da una parte dell’amministrazione di ex colonie . Durante gli anni ‘90, il termine è stato oggetto di dibattito nei Paesi anglosassoni .
In Francia , effettivamente, dai primi anni del 2000, gli studiosi hanno fornito una origine non corretta che è stata tuttavia accettata senza discussione. La loro definizione suggerisce che il concetto di islamofobia è uno strumento atto a rendere inefficace qualsiasi critica di fondamentalismo islamico .

Nefertiti: Questo è davvero un nuovo razzismo? Non si è passato, attraverso un cambiamento semantico, da anti-arabo / immigrato  ad anti- musulmano?
Non possiamo dire che il razzismo anti-musulmano è completamente sostituito dal razzismo anti-arabo o dal razzismo anti-immigrati nella misura in cui le discriminazioni in tutte le forme di razzismo convivono e talvolta si sovrappongono così facilmente da essere indistinguibili .

Mohamed: L’essenza della popolazione musulmana di Francia come gruppo omogeneo non è frutto soprattutto della mancanza di conoscenza dei mezzi di comunicazione? Utilizzare costantemente parole shock (“jihad “, “sharia”, “salafita”, ecc . ), che sono in realtà praticamente sconosciute ai musulmani stessi, non comporta la stigmatizzazione dei francesi di origine musulmana?
Probabilmente. La conoscenza dell’Islam attraverso gli eventi internazionali e geopolitici offusca l’immagine dell’Islam . Questa notizia non può essere ignorata, ma ovviamente non riflette la diversità e la complessità del fenomeno in tutto il mondo musulmano , in particolare in Francia.

Per continuare a leggere lo scambio clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *