«

»

REPORTAGE 2/”TRENI (A VAPORE) NEL MONDO”: India, destino segnato per le locomative a vapore

Treni a vapore_India_genn11_Ph.PP

[img src=http://www.focusmediterranee.com/wp-content/flagallery/treni-a-vapore_india_genn11_ph-pp/thumbs/thumbs_treni_india_640_05.jpg]100Locomotiva classe WP di produzione indiana, Western Railway – Gujarat. Il toro è stato posizionato all'estremità del ponte dagli inglesi a simboleggiare la potenza dell'Impero. Ph. Pietro Pietromarchi
La locomotiva classe WP di produzione indiana, parte con il primo treno passeggeri della mattina dalla stazione di Morbi. Quattro tori sono posizionati all'estremità del ponte dagli inglesi a simboleggiare la potenza dell'Impero.
[img src=http://www.focusmediterranee.com/wp-content/flagallery/treni-a-vapore_india_genn11_ph-pp/thumbs/thumbs_treni_india_640_01.jpg]80Treno passeggeri 'Ahmadabad-Udaipur Express', Western Railway - Gujarat. Ph. Pietro Pietromarchi
Il treno passeggeri 'Ahmadabad - Udaipur Express' attraversa di primo mattino le brulle montagne che circondano la città di Udaipur, impiegando più di dieci ore per coprire una distanza di circa 300 chilometri (Western Railway - Gujarat)
[img src=http://www.focusmediterranee.com/wp-content/flagallery/treni-a-vapore_india_genn11_ph-pp/thumbs/thumbs_treni_india_640_02.jpg]80Il treno passeggeri 'Jodhpur-Udaipur Passenger', Western Railway - Rajasthan. Ph. Pietro Pietromarchi
Il treno passeggeri “Jodhpur - Udaipur Passenger” spinge a tutto vapore sull’ultima ripida salita prima di raggiungere l’altopiano della città di Udaipur. (Western Railway - Rajasthan)
[img src=http://www.focusmediterranee.com/wp-content/flagallery/treni-a-vapore_india_genn11_ph-pp/thumbs/thumbs_treni_india_640_03.jpg]70Debari gate, Udaipur. Western Railway - Rajasthan. Ph. Pietro Pietromarchi
Il treno passeggeri “Udaipur - Chittaurgarh Passenger” in transito alla Debari gate, “ritagliata” nelle mura di fortificazione di una gola d’accesso alla città di Udaipur, costruite nel XVI secolo durante il Regno della dinastia Moghul
[img src=http://www.focusmediterranee.com/wp-content/flagallery/treni-a-vapore_india_genn11_ph-pp/thumbs/thumbs_treni_india_640_04.jpg]110Treno passeggeri 'Morbi – Wankaneer Passenger', Western Railway - Gujarat. Ph. Pietro Pietromarchi
Uno degli ultimi viaggi del treno passeggeri 'Morbi – Wankaneer Passenger'. Il ponte ferroviario mostra già le trasformazioni in atto sulla linea: l’irrobustimento in cemento armato dei pilastri è necessario per passare dall’attuale scartamento metrico 'metre gauge' a quello più largo 'broad gaug', ovvero quello delle moderne linee ferroviarie indiane
[img src=http://www.focusmediterranee.com/wp-content/flagallery/treni-a-vapore_india_genn11_ph-pp/thumbs/thumbs_treni_india_640_06.jpg]60Machinista e fuochista, Western Railway - Rajasthan. Ph. Pietro Pietromarchi
Il macchinista e il fuochista aspettano sulla locomotiva il segnale di partenza per l’ultimo treno della sera. Nella cabina la temperatura può salire fino a cinquanta gradi
[img src=http://www.focusmediterranee.com/wp-content/flagallery/treni-a-vapore_india_genn11_ph-pp/thumbs/thumbs_treni_india_640_07.jpg]70Linea a scartamento ridotto New Jalpaiguri - Darjeeling. North East Frontier Railway - West Bengal. Ph. Pietro Pietromarchi
La linea a scartamento ridotto (610 mm) che collega la città di New Jalpaiguri, situata in pianura, a Darjeeling, a 2.176 metri d’altitudine. Sullo sfondo la catena dell’Hymalaia (North East Frontier Railway - West Bengal)
[img src=http://www.focusmediterranee.com/wp-content/flagallery/treni-a-vapore_india_genn11_ph-pp/thumbs/thumbs_treni_india_640_08.jpg]100Toy Train, North East Frontier Railway - West Bengal. Ph. Pietro Pietromarchi
Il “Toy train”, treno giocattolo, così chiamato per le sue ridotte dimensioni, è in viaggio verso la città di Darjeeling. Ancora oggi le piccole locomotive classe B costruite a Glasgow (Regno Unito) alla fine del secolo scorso prestano un regolare servizio giornaliero.

Oltre 12 milioni di persone viaggiano ogni giorno lungo la ferrovia indiana. L’India, non molto tempo fa, era un paradiso per gli appassionati di treni a vapore. Negli anni Novanta, su un totale di 8.500 locomotive, circa 3.000 prestavano regolare servizio. Il destino dei treni a vapore è stato definitivamente segnato quando il Governo indiano ha imposto un radicale ammodernamento del parco macchine per migliorare il servizio ferroviario. Oggi solo poche locomotive fanno mostra di sé al Museo Ferroviario di New Delhi, immobilizzate per sempre (Foto di Pietro Pietromarchi)

LA MIA VERITÀ – Con le mie immagini vorrei ricordare queste “belle signore” ancora operanti nei loro ultimi viaggi sulle linee a scartamento metrico in Rajasthan e Gujarat. Un omaggio ad un Paese unico come l’India, dove tra le infinite emozioni che suscita, ognuno di noi può trovare quella che cerca. Un riconoscimento alla macchina a vapore, la chiave d’ingresso al mondo moderno.

________________________________

A sbuffare ancora restano solo le locomotive lungo linea a scartamento ridotto “New Jalpaiguri – Darjeeling”, protette dall’Unesco, che nel 1999 ha dichiarato la linea ferroviaria e il suo parco macchine Patrimonio mondiale dell’Umanità.

Viaggiare a bordo è uno spettacolo di fuoco, vapore e frastuono, come essere in sella ad un drago in volo…. La lirica del poeta francese Paul Verlaine, tratta da La bonne chanson (1869), esprime al meglio questa sensazione:

Un odore di carbone che brucia e d’acqua che bolle,
con il rumore che farebbero mille catene
a cui fossero legati mille giganti messi alla frusta;
e d’improvviso dei gridi prolungati di civetta.
Che m’importa di tutto ciò, dato che ho negli occhi
la bianca visione che rende il mio cuore gioioso,
dato che la dolce voce mormora ancora per me
dato che il Nome così bello, nobile e sonoro
si mescola, perno perfetto di tutto questo turbinio,
al ritmo del vagone brutale, soavemente…

Altre info: Mountain Railways of India, la “Darjeeling Himalayan Railway” è tra i più significativi esempi di ferrovia passeggeri ad alta quota. Aperta nel 1881 applicò audaci soluzioni ingegneristiche al problema derivante dalla necessità di un collegamento ferroviario in zone montuose di grande bellezza paesaggistica. La sua importanza è enfatizzata dal fatto che, oltre al trasporto di passeggeri e merci, fu veicolo di notevole sviluppo sociale per tutta l’area attorno Darjeeling.

Seguirà a febbraio REPORTAGE 3/”TRENI (A VAPORE) NEL MONDO” un altro viaggio fotografico di Pietro Pietromarchi, questa volta in Corea del Nord.

Vedi anche: REPORTAGE 1/”TRENI (A VAPORE) NEL MONDO” Bosnia-Herzegovina, ultimo Paese europeo ad utilizzare la trazione a vapore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *