«

»

Giovani italiani e Mediterraneo: curiosità, ignoranza, ma non certo indifferenza!

di Luigi Ruggerone
(docente di Economia dei Mercati Emergenti presso l’Università Cattolica di Milano)

Nell’ambito del Med Youth Forum (ospitato da Independnews) a cui sono stati invitati a partecipare  studenti del corso di Economia dei Mercati Emergenti dell’Università Cattolica, è stato distribuito un questionario, pensato con la redazione della testata, con lo scopo di capire meglio quale sia il livello di conoscenza e di curiosità fra i giovani italiani per il lato Sud del Mediterraneo.Il questionario è stato distribuito agli studenti del mio corso in Cattolica, che hanno fornito una serie di risposte interessanti che desideriamo condividere con i lettori.

Premetto subito che non abbiamo la pretesa di sostenere che i risultati del questionario abbiano alcuna valenza scientifica, in quanto il campione scelto non è certo rappresentativo della popolazione dei giovani italiani e le risposte, come vedrete, non sono state analizzate con alcuna metodologia statistica, ma soltanto confrontando il numero di risposte ed il loro peso relativo sul totale. Pensiamo però che sia un inizio interessante che possa aiutarci a capire, in maniera un po’ meno vaga, come i giovani italiani guardino ai Paesi nord africani ed ai loro popoli.

Dalle risposte emergono chiaramente alcuni aspetti interessanti. Il primo è una generalmente scarsa conoscenza del mondo arabo ed islamico dovuto, non tanto ad una indifferenza di fondo, ma piuttosto ad una mancanza di fiducia dei giovani nei media e nelle fonti informative ufficiali, ad una carenza di opportunità di visitare queste zone del mondo, alle scarse possibilità di interagire con queste popolazioni e conoscersi. Pochi ragazzi, tra coloro che hanno risposto, hanno amici nord africani e pochissimi chattano con loro utilizzando le nuove tecnologie, ma oltre un terzo di essi coglierebbe l’opportunità di passare un periodo di studio in quell’area del mondo se fosse loro data questa possibilità.

Il secondo, venendo a temi più legati alla cultura e alla religione islamica, riguarda il sentimento che suscita il sentire parlare arabo o il vedere una donna con il velo. Qui prevale una sensazione di curiosità verso la lingua  – o forse sarebbe meglio dire le lingue – e di rispetto per l’altrui religione e tradizione, anche se, in vero, non mancano un discreto numero di risposte da cui trapelano fastidio e persino timore per ciò che appare “lontano” dalla nostra cultura occidentale e che viene talvolta visto come un atto di sottomissione imposto alla donna.

Quasi unanime poi l’interesse per le recenti sollevazioni arabe, che suscitano una grande curiosità ed un grande desiderio di sapere e, soprattutto, di capire quali siano gli equilibri in gioco e quali siano i cambiamenti in atto.

Queste primissime conclusioni ci incitano a proseguire nel nostro esperimento che stiamo pensando di allargare ad altri giovani di altre scuole ed università e spero anche che queste brevi considerazioni incoraggino altri a seguirci sul forum e, soprattutto, a partecipare attivamente facendoci conoscere il loro punto di vista, le loro opinioni e anche le loro curiosità e sensazioni verso un mondo così vicino geograficamente eppure apparentemente difficile da capire. Scrivete ragazzi!

P.S. Buone vacanze a tutti e buon 2012!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *