«

»

Un giorno (speciale) da araba

MED FORUM di Silvana D. Silvana D. vestita da araba

Tutto è cominciato una volta rientrata a Milano, dopo un’esperienza di quasi cinque anni da espatriata a Parigi.

Ero in piena crisi da riadattamento, quando mia figlia ha mandato delle mie foto ad un’agenzia pubblicitaria.

Ho cominciato a fare dei casting. In uno dei tanti cercavano un personaggio con un viso mediterraneo, qualcuno che potesse rappresentare un membro di una famiglia saudita tradizionale. Il cliente veniva dagli Emirati Arabi e parlava solo inglese. Ho scambiato due chiacchiere con lui e, chissà, forse gli sono piaciuta. Dopo circa un paio di settimane l’agenzia mi ha contattato, confermandomi che ero stata scelta per il suo spot…..

Il giorno dello shooting, mi danno appuntamento in un paese in provincia di Varese, in una bellissima villa stile coloniale. Una volta lì, vengo accompagnata dalla costumista, che mi fa indossare un abito lungo e nero, con tanto di copricapo. Poi un leggero trucco e voilà, pronta per andare in scena con il mio chador.

Mi affascinava l’idea di fare parte di un’altra cultura, anche solo indossando degli abiti che mi coprivano interamente. Ho provato una strana sensazione: oltre al grande prurito che avevo in testa, mi sentivo come obbligata a delle restrizioni.

Era comunque divertente, una sorta di gioco. Ma se non fosse stato così – ovvero un gioco, o meglio un lavoro che ha un inizio e una fine -, e fossi invece stata obbligata a vestirmi in quel modo per più del tempo che dura uno spot? Forse non lo avrei trovato così divertente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *