«

»

Al-Qaeda manca del supporto popolare

SOCIETY1211-BLEIBELE’ diventato chiaro che al- Qaida ha fatto la sua ricomparsa in Medio Oriente, sfruttando una serie di opportunità: il conflitto siriano, l’instabilità politica a seguito ” Primavera araba”, aggravarsi  delle tensioni settarie in Iraq e in Libano, e nessun intervento dell’Occidente .

Recentemente, Al – Qaeda non riesce a compiere attentati nei Paesi occidentali, ma gli attacchi terroristici in Iraq sono aumentati, causando la morte di 6mila persone, facendo del 2013 uno dei più sanguinosi anni della storia recente  del Paese .

Secondo alcuni esperti, la tattica di Al – Qaeda è sempre stata quello di soffiare sul fuoco del conflitto settario per garantire un sostegno popolare e rovesciare regimi autoritari nel mondo arabo e sostituirli con gli Stati islamici. “Al – Qaeda [ e le sue controllate ] sono rivoluzionari politici, ha detto Thomas Joscelyn, membro della Fondazione per la Difesa delle Democrazie, un gruppo con sede a Washington. Fin dall’inizio, vogliono uno Stato, e il Levante è sempre stata la loro preferenza. Se l’Occidente li continuerà a vedere come dei sanguinosi terroristi, noi non vinceremo mai . ”

La strategia di Al- Qaeda è quella di ricevere profitto dai conflitti interconfessionali e presentarsi come il protettore dei musulmani sunniti. Il caso siriano è complicato con l’emergere di due diversi membri dei gruppi dell’organizzazione: EIIL (Stato islamico in Iraq e Levante ) e il Fronte Al-Nusra .

Una pazza idea. Eppure, molti oppositori siriani non considerano Fronte Al-Nusra come una minaccia immediata. “Sappiamo che vogliono stabilire uno Stato islamico, dice Manhal Barish, un membro del Consiglio nazionale siriano, ma a differenza dell’ EIIL, non hanno mai effettuato atrocità contro la popolazione, non hanno mai cercato di imporre il loro progetto dal terrore. Fronte Al-Nusra è stata sempre presente sul campo di battaglia. Non hanno mai arrestati, torturati o rapiti attivisti e giornalisti stranieri”.

Continua a leggere qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *