«

»

Ecologia in Libano. Il grande spreco di acqua

SOCIETA'-Mondo*Litani river, LebanonAnche se benedetto dagli dei per le risorse idriche, il Libano non riesce ancora a soddisfare le esigenze di acqua della sua popolazione. A ciò è dedicato il pezzo di apertura del Corriere internazionale di Le Monde.

Il suo clima mite, le montagne innevate d’inverno, le sue 2mila fonti e i suoi 40 corsi d’acqua, che gli sono valsi il soprannome “torre dell’acqua in Medio Oriente”, dovrebbero essere sufficienti a coprire il consumo, l’irrigazione e l’industria. Ma questo potenziale rimane non sfruttato: le risorse idriche e l’acqua del Paese sono utilizzati solo al 10 per cento, con un tasso di perdita di circa il 40 per cento.

Scarico di rifiuti solidi, mancanza di impianti di stoccaggio di acqua in superficie e reti di approvvigionamento idrico carenti: gli ostacoli che riguardano le risorse idriche sono abbondanti. “E la situazione è destinata a peggiorare, anche negli anni a venire”, ha avvertito Fadi Comair George, presidente onorario della Rete di Réseau méditerranéen des organismes de bassin (Remob). “Il bilancio idrico del Paese (la differenza tra bisogni e risorse rinnovabili) potrebbe raggiungere 1,7 miliardi di metri cubi l’anno entro il 2040, contro i 300 milioni di oggi, se la gestione integrata delle risorse e degli investimenti non verrà implementata. ”

Inoltre, sempre secondo Fadi Comair, le difficoltà strutturali del settore si uniscono al riscaldamento globale, che colpisce direttamente la disponibilità e l’utilizzo di acqua ed energia. “Le conseguenze più gravi per il Libano si riferiscono alla fornitura di acqua, che dipende principalmente dalla scioglimento della neve.” Dei  2, 7 milioni disponibili all’anno, 1,2 milioni di metri cubi d’acqua vengono scaricati nel Mediterraneo senza essere utilizzati, e circa 1,5 milioni di metri cubi vengono adoperati nel settore agricolo.

Per far fronte a questi problemi, il governo ha attuato una strategia decennale con cinque obiettivi. “Il primo è quello di fornire risorse aggiuntive in acqua”, continua Fadi Comair, “migliorando le strutture di stoccaggio e l’utilizzo delle acque sotterranee. Quindi aumentare l’acqua potabile per garantire la sicurezza alimentare estendendo le aree agricole dei libanesi e realizzando progetti di irrigazione e l’allineamento dei fiumi. ” Secondo Selim Catafago, esperto di risorse idriche, significa mettere il carro davanti ai buoi. Per la costruzione di 18 dighe previste dal piano si pone la questione della fattibilità economica e tecnica. “In effetti, in alcune zone, il suolo ostacola la costruzione”, spiega.

Wajdi Najem, direttore del Centre régional de l’eau et de l’environnement (Creen),  è ancora più pessimista. “Per 40 anni, non c’è stata alcun reale attuazione delle infrastrutture. Dal 1970, si parla di canalizzazione dell’acqua dal Litani a Beirut. Si tratta di un progetto che, come tutti gli altri, rimane purtroppo irrisolto “. Wajdi Najem sostiene che la cattiva gestione idrica è un freno economico, ma anche sociale. Secondo lui, sarebbe possibile soddisfare le esigenze idriche della popolazione in cinque anni, se un progetto di sviluppo fosse realmente attuato.
“Il Paese non può vivere per sempre sui suoi serbatoi. L’intera economia libanese è direttamente influenzata dalla cattiva gestione delle risorse idriche. Un turista consuma in media 500 litri di acqua al giorno: come può il Libano attrarre visitatori senza un adeguato rifornimento di acqua potabile? Ciò avrà un impatto negativo sulla capacità di sviluppo del turismo nel Paese. Non è normale che una città come Beirut, circondata da fiumi e confinante con la costa, non è in grado di soddisfare il fabbisogno idrico della popolazione . Non possiamo permettere che l’acqua sia così ambita. E ‘una questione di sopravvivenza”, ha concluso l’esperto.

Mentre l’accesso all’acqua è stato ufficialmente riconosciuto dalle Nazioni Unite come un diritto umano, è urgente che il Libano utilizzi razionalmente le risorse, con il rischio di una guerra per l’oro blu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *