«

»

Israele: nessun McDonald’s tra i coloni

SOCIETYMcDonald's_Israel_logoNon ci sarà nessun McDonald’s nel gigantesco nuovo centro commerciale (bilancio: 100 milioni di shekel, o 21 milioni di euro) in Ariel, uno dei principali insediamenti in Cisgiordania. La catena di fast food – che ha già 180 ristoranti in Israele – ha rifiutato, sostenendo che il rifiuto di aprire un franchising nei territori occupati era sempre stato parte della sua politica.

Va detto che il direttore della filiale israeliana di McDonald’s, Omri Padan, è uno dei fondatori di Peace Now, una ONG a favore della cosiddetta soluzione “due popoli, due Stati”. La posizione di Omri Padan è nota da molto tempo, ha detto Ha’aretz: nel 1980, ben prima dell’arrivo del McDonald’s in Israele, già aveva dichiarato di non volere coltivare la propria attività al di là della linea di verde, stabilita durante l’armistizio del 1949.

Punto sul vivo, il proprietario del centro commerciale futuro di Ariel ha risposto: “Se questa è la sua decisione, tanto meglio per lui: ci sono concorrenti che sono pronti a prendere il suo posto”, riferisce Ha’aretz. I coloni, furiosi, hanno immediatamente risposto, ha osservato il Jerusalem Post. Essi “invitano a boicottare il famoso marchio di fast food, mentre il suo concorrente, Burger Ranch, ha immediatamente promesso di aprire un negozio in Ariel, trasformando una battaglia commerciale per il cuore degli appassionati di hamburger in una presa di posizione nel conflitto israelo-palestinese“.

(Fonte: CourrierInternational)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *