«

»

La rivoluzione egiziana ora si esprime nei graffiti

SOCIETY20144269585569734_20Il graffitaro egiziano Mohamed Ismail, 22 anni, non può camminare attraverso la zona West del Cairo Ard el- Lewa senza essere assalito dai bambini delle scuole.

Ismail e il suo collega artista Mustafa Ali, alias ” Boogie”, stanno facendo una visita guidata ai piedi del loro ultimo progetto di street art, una serie di ritratti di bambini locali. Il lavoro ha reso Ismail una celebrità in questo quartiere a basso reddito; il “Progetto Face”, dice, è una nuova direzione per il suo collettivo di street art, la Brigata Monna Lisa.

Costituita nel 2010, la Brigata e gli altri gruppi erano in prima linea nel 2011 per la rivolta della Primavera araba che ha rovesciato l’ex presidente Hosni Mubarak . “Siamo stati con la rivoluzione sin dall’inizio “, ha detto Ismail .

Al culmine della rivoluzione, i murales che protestano contro il regime militare, celebrando vittime politiche del regime,  sono diventati icone dello zeitgeist egiziano. Ma più di tre anni dalla cacciata di Mubarak, si è insediato un senso di stanchezza e di confusione politica.
Molti artisti di strada considerano l’ex candidato presidenziale, generale Abdel Fattah al-Sisi, semplicemente come il nuovo volto di un vecchio sistema. Murales raffigurano i sostenitori dei Fratelli Musulmani come pecore che corrono fianco a fianco con immagini di uomini militari come macellai.

Continui disordini hanno fornito agli artisti materiale su cui lavorare, ma la repressione in Egitto delle voci di dissenso – 500 membri degli ormai fuorilegge Fratelli Musulmani sono stati recentemente condannati a morte – ha reso più difficile per gli artisti del Cairo progettare i murales, diventati icone della rivolta nel Paese.

“L’attuale sentimento pubblico in realtà non lo rende più pericoloso per i graffitari di esprimersi liberamente”, ha detto Don Karl, co – direttore ed editore di Walls of Freedom, raccolta di fotografie e saggi su graffiti egiziani dal 2011 .

(Continua a leggere qui)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *