«

»

L’Iraq costruisce un muro di sicurezza intorno a Baghdad per prevenire gli attacchi del Daesh

Society-International-Valentina-Stellabaghdad-blast-wallsL’Iraq ha iniziato la costruzione di un muro e di una trincea attorno a Baghdad, nel tentativo di prevenire gli attacchi dei miliziani dello Stato Islamico e ridurre l’elevato numero di posti di blocco all’interno della città.

Il portavoce del ministero dell’Interno, il generale di brigata della polizia Saad di Maan, ha detto all’Associated Press che sono iniziati i lavori questa settimana su un tratto di 100 km (65 miglia) nella zona settentrionale, a nord-ovest della capitale.
Il muro sarà di tre metri (10 piedi) e in parte costituito da barriere di cemento già in uso in città. Nessuna specifica sulle misure della trincea.

Dall’invasione del 2003 guidata dagli Stati Uniti, Baghdad ha visto attentati quasi quotidiani, i cui obiettivi erano principalmente le forze di sicurezza e la maggioranza sciita del Paese.
Lo Stato Islamico e i suoi predecessori sono stati accusati per la maggior parte di essere i responsabili di questi attacchi, tra cui anche quelli di alto profilo, o dei bombardamenti che hanno causato decine di vittime. Solo mercoledì scorso, ci sono stati otto morti e 28 feriti a seguito di bombardamenti sul ciglio della strada in varie parti della città e di una sparatoria da un’auto in corsa.
Il mese scorso, secondo i dati delle Nazioni Unite, 490 civili sono stati uccisi e 1.157 sono rimasti feriti in Iraq – vittime che includono la polizia federale, le forze di protezione civile e gruppi di sicurezza. Baghdad è stata la più colpita, con 299 civili uccisi e 785 feriti.

La città è sembrata a volte un labirinto di muri anti-esplosione, apparsi già dopo l’invasione del 2003 e rimasti al di fuori degli uffici governativi, delle banche, delle stazioni di polizia, scuole, ospedali e campus universitari.
L’ufficio del primo ministro, i suoi uffici di gabinetto, le ambasciate occidentali e le agenzie delle Nazioni Unite si trovano nella “Green Zone”, molto protetti e circondati da muri sulla riva occidentale del Tigri.

Anche molti quartieri della città sono separati da muri, quasi a sezionare la capitale, come un severo monito delle violenze tra sunniti e sciiti che quasi condussero l’Iraq in una guerra civile nel 2006 e 2007.
Maan ha detto che il muro e la trincea di Baghdad saranno costruiti da militari del Genio a circa 30 km (20 miglia) dal centro della città,  riducendo il numero di posti di blocco all’interno della capitale del 50% in sei mesi.
La riduzione del numero di posti di blocco libererebbe migliaia di soldati e poliziotti per le funzioni di combattimento e per facilitare il traffico a Baghdad.

(Fonte: The Guardian)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *