«

»

MEDIO ORIENTE/”The Palestine papers”. Perchè in Italia se ne è parlato poco?

E’ passato quasi un mese dalle rivelazioni di The Guardian e di Al Jazeera sui “Palestine Papers relativi al processo di pace in Palestina, eppure, mentre i giornalisti inglesi e arabi erano impegnati ad analizzarli e a diffonderli al mondo intero, la notizia in Italia è passata in secondo piano.

LA MIA VERITÀ – Perché un processo di pace che dura da oltre vent’anni e che forse – grazie a certe rivelazioni – potrebbe arrivare ad una fine, non ha trovato in Italia uno spazio più adeguato?

________________________________
A parte brevi articoli – dove i “Palestine Papers” sono stati definiti la “Wikileaks della Palestina” – tra il 23 (la data in cui The Guardian ha pubblicato i primi documenti) e il 26 di gennaio, la stampa italiana, ad esclusione di alcuni blog e agenzie specializzate, non ha dato molto rilievo a questa notizia.

In Gran Bretagna, invece, Ian Black e Seumas Milne hanno cercato di spiegare ai lettori il contenuto di 1600 documenti segreti – ottenuti da Al Jazeera – sulle trattative private in questi ultimi due anni tra negoziatori palestinesi e autorità israeliane.

Il quotidiano inglese ha dedicato una sezione intera ai “Palesatine Papers”, proponendo ai lettori storie diverse ogni giorno. Sono stati riportati articoli sui rifugiati palestinesi e il diritto al ritorno in Israele ; sulla proposta del Governo israeliano di trasferire i cittadini arabi che vivono in Israele in un futuro Stato palestinese; sulla collaborazione tra l’Autorità nazionale palestinese (Anp) e le forze militari e di intelligence israeliane presenti nei Territori Occupati; sul coinvolgimento di ufficiali britannici in piani segreti volti a distruggere il potere di Hamas; sulla spartizione di Gerusalemme e degli insediamenti nei Territori Occupati; sull’atteggiamento passivo degli Stati Uniti nei confronti della questione palestinese e molti altri report ancora.
Gli utenti di The Guardian non sono stati solo a leggere, ma hanno partecipato attivamente all’iniziativa del quotidiano commentando molte storie.

Che siano state rivelazioni o meno, questi documenti hanno – direttamente o indirettamente – segnato non solo Israele e Palestina, ma anche tutti i Paesi coinvolti. I “Palestine Papers” stanno dunque cambiando gli equilibri internazionali oltre a quelli dell’area mediorientale.

Perché la stampa italiana ha scelto di non dare tanto peso a questa notizia? E’ vero che le rivolte in Tunisia ed in Egitto avevano la priorità, ma di cambiamenti nel mondo arabo stiamo pur sempre parlando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *