«

»

Perché lo Stato islamico attira i giovani occidentali?

Society-International-Valentina-Stella1271-KiosquePerché un movimento sanguinario Daesh (o Stato Islamico) attira i giovani di tutto il mondo e perché estende il suo dominio su un crescente numero di territori? Per The New York Review of Books (leggi questo articolo), la risposta è nella sua letteratura apocalittica, che seduce gli  esclusi. Il sito Al-Modon non trova alcun motivo per il  “successo” sociologico del gruppo jihadista, ma spiega la sua forza di attrazione nella sua capacità di uccidere in nome del sacro (leggi questo articolo). Il fenomeno Daesh avrà presto una fine? Il Financial Times rivela pratiche di racket organizzato (leggi questo articolo) e la  incapacità di gestire uno Stato moderno.


Otto pagine per capire la macchina Daech.

L’EDITORIALE
Daesh, Isis, Stato islamico: poco importa il nome. Quello che è certo è che i piani mortali dell’organizzazione islamista stanno facendo trascorrere un momento difficile all’intero pianeta. In Occidente, il territorio è stato toccato da parte di terroristi. Il Medio Oriente è in decomposizione. Le minoranze cristiane e Yezidi sono perseguitate. Ma i musulmani per lo più sunniti della regione sono tra le prime vittime delle guerre civili in nome di Allah. Apparso sulla scena internazionale da un po’ più di un anno, Daesh purtroppo ha rubato la scena ad Al-Qaeda. Con la sua brutalità, ma anche la sua professionalità, lo Stato islamico è diventato il nuovo centro dello jihadismo internazionale. Grazie a diverse immagini di decapitazioni o con video di siti archeologici distrutti, esso esercita, attraverso il ripristino del califfato, l’antitesi di uno Stato moderno, un’attrazione morbosa in tutto il mondo. Una macchina di morte che semina il terrore. Ora, dice Nicolas Henin, che ha trascorso diversi mesi nelle sue carceri, “au lieu d’analyser factuellement quelles sont ses forces et ses faiblesses, nous tombons dans la propagande de l’Etat islamique en le considérant comme l’incarnation du Mal “*.

* Jihad Academy – Nos erreurs face à l’Etat islamique, Nicolas Hénin, Fayard (mars 2015).

[Fonte: Courrier international]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *