«

»

Siria, Libano, Iraq, Palestina: inno ai nostri Paesi

Society-International-Valentina-Stella2010-syriennesLa Siria. Più di tre anni di guerra folle, egoista, senza cervello. Tre anni che hanno visto la distruzione delle nostre anime, dei nostri cuori e delle nostre menti. Una guerra che entrò senza bussare nelle case e che ha umiliato il popolo”.

To Our Countries (A nos pays) è “il progetto di un gruppo di giovani che vivono in Svezia e provengono da Siria, Iraq, Libano e Palestina.” Pubblicato il 9 ottobre, il video è già stato visto quasi un milione di volte. Due sorelle siriane, Faia e Rihan Younan, evocano le sofferenze dei popoli del Medio Oriente attraverso un testo cantato e parlato, compresi i brani del famoso cantante libanese Fayrouz ” Nos pays, pays des guerres et de la souffrance, pays de l’amour et des rêves. Mon pays vais-je un jour te revoir ? Vais-je un jour te voir sûr, prospère, triomphant et digne ?

“Personalmente, questa canzone mi ha toccato – ha scritto una giornalista -, è stata pesantemente criticata nel mondo arabo, perché le due sorelle sono pro-Assad, ma penso che se mettiamo da parte le nostre differenze politiche abbiamo la possibilità di raggiungere la pace”.


Iraq. Da più di dieci anni che è in corso la liberazione. Un liberazione dall’ingiustizia, dall’oppressione e dalla tirannia, che ha portato più tirannia, più ingiustizia e più oppressione. Una liberazione che ha visto l’espulsione degli abitanti. Une libération qui a divisé ce qui était divisé et cassé ce qui était cassé. Una liberazione in cui le civiltà cessano di esistere”.

“Per 40 anni, il Libano e la sua gente hanno sofferto tutti i tipi di guerre. Guerra civile,  guerra di religione. Guerre confessionali, invasioni violente. Essi pagano il prezzo degli sconvolgimenti nella regione e del commercio internazionale”.

La Palestina. La puntura di tutte le cause. La più grande e la più antica di tutti. Oltre 60 anni di violazioni. Sfratti, abusi, negazione dei diritti e mancanza di terra”.

(Fonte CourrierInternational)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *