«

»

ONU in Grecia: difficoltà a far fronte all’arrivo dei rifugiati se le banche falliscono

Society-International-Valentina-Stella7a6f8487-3eec-4cdc-a693-831b40f51095-2060x1236L’Agenzia per i Rifugiati delle Nazioni Unite non riuscirà più a fornire generi di prima necessità ad un’ondata di profughi nelle isole greche se il sistema bancario della Grecia dovesse fallire nei prossimi giorni.

Le isole della Grecia hanno superato l’Italia nelle ultime settimane come principale punto di ingresso per i rifugiati in Europa, con quasi 80mila arrivi quest’anno dalla Turchia – un tasso sei volte più alto la cifra equivalente a partire dal 2014, secondo le Nazioni Unite.

Più di 9mila sono arrivati la scorsa settimana. Un portavoce dell’Agenzia per i Rifugiati delle Nazioni Unite a Lesbo, l’isola che ha assorbito circa la metà degli arrivi, sostiene che  la capacità dell’organizzazione di fornire beni di prima necessità, come bottiglie di acqua e materassini, è a rischio.

Ancora da Lesbo, Laura Padoan delle Nazioni Unite, ha dichiarato: “La situazione finanziaria precaria significa che, se non siamo in grado di accedere ai contanti prontamente, i nostri programmi potrebbero essere minacciati poiché paghiamo i nostri fornitori attraverso conti greci. Molti dei nostri programmi dipendono, infatti, dagli acquisti in contanti dei beni greci”.

(Fonte The Guardian)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *