The Mediterranean I know

Away from stereotypes and clichés, the Mediterranean of Paolo Branca is rich in elements and nuances that perhaps only few know. |Lontano da stereotipi e luoghi comuni, il Mediterraneo di Paolo Branca è ricco di elementi e sfumature che forse a molti sfuggono e pochi conoscono.

Epoca di cambiamento o cambiamento d’epoca?

“Il mio viaggio in Egitto è giunto al termine! E si conclude con una domanda (e una riflessione)!”

Ph. Paul Skorupskas – Unsplash

Epoca di cambiamento o cambiamento d’epoca? Questa frase, mutuata da Papa Francesco, spiega in parte il mio minore interesse negli ultimi tempi per tante ideologie arabo-musulmane in crisi, come del resto tutte le altre che hanno furoreggiato anche in Occidente negli ultimi due secoli. Liberal-democrazia compresa, come assistiamo da tempo con crescenti sperequazioni, scandali finanziari, perdita di fiducia nelle istituzioni culminate in nuove forme durante la corrente “Pandemia”.
Cambiamenti o riforme restano spesso sul piano della retorica, senza sapersi tradurre in realtà. Tra le principali motivazioni ne sono forse la complessità dei problemi, molte contraddizioni e situazioni paradossali.

Leggi ora »

Egitto… eppur si muove

Ancora una volta in Egitto, mia seconda patria adottiva… casuale? naturale? provvidenziale? Dio solo lo sa …

L’idea di un mondo islamico omogeneo e compatto è del tutto lontana dalla realtà. Me ne sono accorto proprio mentre preparavo la mia tesi al Cairo.

Avevo scelto come argomento i libri scritti negli anni ’50 da Khalid Muhammad Khalid, un deciso riformista in linea con la rivoluzione socialisteggiante di Gamal Abd el-Nasser. Essendo ancora in vita, andai a intervistarlo a casa sua, sull’isola di Roda, dove si trova il celebre e antico Nilometro.
Khalid Muhammad Khalid aveva appena pubblicato un libro in cui proponeva una visione assai diversa da quella espressa quarant’anni prima. Gli insuccessi e le delusioni della retorica panarabista lo avevano avvicinato alle posizioni dei Fratelli Musulmani, così com’era avvenuto anche ad altri liberal-progressisti.

Leggi ora »

Egitto, dove essere italiani è un plus

Ancora una volta in Egitto, mia seconda patria adottiva… casuale? naturale? provvidenziale? Dio solo lo sa …

Ph.Silvia Dogliani

Il Cairo – In Egitto essere italiani è un plus. I nostri ‘roboanti’ tentativi coloniali da quelle parti sfiorarono il ridicolo, nonostante varie atrocità, e son stati presto dimenticati. Salvo rari casi di disturbati mentali, sanno benissimo che da noi basta mangiar spaghetti e tifare per qualche squadra di calcio per sottrarsi da discriminazioni ben più comuni e pesanti in altre parti d’Europa.

Leggi ora »

Egitto: timori esagerati, rischi veri

 

Ancora una volta in Egitto, mia seconda patria adottiva… casuale? naturale? provvidenziale? Dio solo lo sa …

Paolo Branca al Cairo. Ph. Cristina Carminati

Il Cairo – Il primo biglietto aereo per il Cairo l’ho comprato nell’ormai lontano 1981: precisamente il 6 ottobre. Prezzi, compleanni e date di solito li rammento poco, ma questa mi è rimasta impressa poiché – tornato a casa – appresi dal telegiornale che proprio in quel giorno il presidente Sadat era stato assassinato.

Partii lo stesso, con grande apprensione della mia famiglia, ma non ebbi alcun problema: c’erano molti poliziotti e soldati per le strade, ma non mi sentii mai in pericolo.

Leggi ora »

Older posts «