SOCIETY

This section explores what happens in the Mediterranean, with a special focus on youth and labor market. |Sezione che raccoglie approfondimenti di attualità e storie meno note (non sempre negative), dove vengono rappresentati modelli sociali e di welfare da importare o esportare.

DoveStiamoAndando? A cercare le pandemie nel passato

La peste di Firenze nel 1348 descritta da Boccaccio (L. Sabatelli). © Wikipedia Commons

ROMA – Nel post Covid-19 emergono anche elementi nuovi. “Questa pandemia“, riflette Alessandro Barbero, Ordinario di Storia medievale presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro, “ci ha messo di fronte a problemi globali e contemporaneamente alla nostra incapacità di individuare soluzioni globali; urge trovare la dimensione della solidarietà mondiale: la troveremo, non c’è scelta. In più, durante l’emergenza ci siamo impratichiti nell’uso di tecnologie (quali smart working e telelavoro) che potranno esserci molto utili in futuro, di fianco alle classiche forme di studio e di lavoro. Infine, sui circa 8 miliardi di persone che attualmente vivono sul pianeta, ne sono morte (almeno finora) poco più di 500mila: niente di paragonabile alle stragi del passato, che lasciavano vuoti demografici enormi (ad esempio, dopo la cd Peste Antonina, la carenza di manodopera impose di accogliere un buon numero di ‘barbari’, cioè di immigrati)”.

Leggi ora »

3 giugno: l’Italia riapre al mondo

Con o senza mascherina l’Italia riapre al mondo. Ph. Angelo Redaelli


Dopo mesi di confinamento per l’emergenza Covid-19, l’Italia – con la sua storia e la sua cultura – si rimette in piedi e riapre al mondo.

Leggi ora »

DoveStiamoAndando? A concludere l’isolamento da Covid-19

Ph. Drew Beamer – Unsplash

ROMA – La pandemia in corso ci immette nel meraviglioso mondo dei no-vax, l’università della vita continuamente sforna specialisti in ogni branca dello scibile e i complotti snodano deliri consolatori (ipotizzare che ad arpionare le nostre vite siano poteri misteriosi invece di uno stupidissimo virus, è decisamente meno devastante). Realizzare che non si tratta di battersi pro o contro una ideologia, ma di combattere un virus, sembra ben sovente oltre la soglia media di comprensione. Ininterrottamente dai Social tracimano frustrazione rabbia ignoranza malafede, intimidazioni più o meno esplicite, proteste, paure e soprattutto paure manipolate. Leggi ora »

Covid-19: in calo le rimesse dei migranti

Ph. Alistair MacRobert – Unsplash

Fase 1 o fase 2, il Covid-19 ha cambiato tutto. Ci ha profondamente stravolto la vita: relazioni sociali, lavoro, equilibrio psicologico, sicurezze economiche. Ha trasformato il presente, ma anche il futuro. Cosa sarà dei nostri progetti e di tutti i sogni che avevamo?

Mohamad, Anita, Pushpa, Achol e tanti migranti che vivono oggi in Europa o in altri Paesi ospitanti se lo domandano tutti i giorni. Le misure restrittive imposte da molti governi per far fronte alla crisi sanitaria mondiale hanno cambiato anche la loro di vita. In molti  hanno perso il lavoro. I più fortunati si sono travati con uno stipendio dimezzato.
E come fare allora per inviare denaro a casa, dove figli, fratelli, genitori o nipoti aspettano con ansia la fine del mese per avere quella piccola somma che permette loro di andare avanti? Come sopportare di aver fatto tanti sacrifici per nulla?
Leggi ora »

Older posts «