Il mondo omaggia le radici d’Europa

constantinos-kollias-Grecia-archeologia-unsplash_640
Ph. Constantinos Kollias -Unsplash

Diciannove istituzioni archeologiche straniere scavano in Grecia. Dalla Scuola Archeologica Italiana (SAIA) alla quella Francese (EFA, il più antico istituto straniero di Atene) a quella Americana di studi classici, dagli Istituti Austriaco e Germanico alla British School e alla Scuola Svizzera di archeologica, e ancora la Biblioteca Nordica, gli Istituti Canadese, olandese, irlandese, australiano, belga etc. Tutte hanno sede nella capitale (a volte con uffici dislocati sul territorio) e sono dotate di biblioteche altamente specializzate, organizzano seminari e borse di studio internazionali, convegni e congressi; ogni estate ospitano un determinato numero di studenti interessati a seguire personalmente gli scavi.

Fondata nel 1846, l’EFA gestisce un attivo programma di ricerca in tutti i campi degli studi greci (specialmente archeologia, epigrafia e studi classici), dispone di oltre 80mila volumi e più di mezzo milione di fotografie, offre borse di studio fino a un massimo di 4 anni di permanenza. Fu fondata nel 1846 dal re Luigi Filippo, con sede sula collina del Licabetto dove è tuttora

Non molto dopo, 1874 – 9 dicembre, compleanno di Johann Joachim Winckelmann – i tedeschi inaugurano il loro imponente istituto, che da allora pubblica anche una rivista altamente specializzata e coordina ricerche condotte insieme da archeologi greci e tedeschi.

martijn-vonk-Creta-archeologia-Grecia-unsplash_640
Ph. Martijn Vonk -Unsplash

Successivamente (1881) arrivano gli Stati Uniti, installando la loro sede nel quartiere di Kolonaki, il più elegante della città, dove è attivo anche di un laboratorio per nuovi sistemi di scavo. Gli archeologi statunitensi hanno condotto campagne presso Corinto e l’agorà di Atene, dove fu ricostruita la loggia di Attalo, attuale sede del museo dell’agorà e del centro di ricerche annesso agli scavi.

Alla British School (1884), dobbiamo invece il laboratorio di Fitch (il più antico archeometrico, cioè in grado di datare gli scavi con i relativi reperti e studiarli giovandosi anche di biologia, chimica, fisica, medicina, per acquisire il maggior numero possibile di notizie sui reperti e sull’ambiente circostante e le alterazioni da loro subite nel corso dei secoli)

Poco dopo (1898) apre l’Istituto Austriaco cominciando a scavare principalmente a Efeso e Smirne: A lungo inquadrato nell’università di Vienna, adesso è ente autonomo dipendente del Ministero della Ricerca Scientifica.
Nel 1964, con un Istituto e un centro scavi a Eretria (che fu una importante città sulla costa occidentale dell’Eubea), arriva la Scuola di Archeologia Svizzera.

Nel 1974 i Canadesi, il cui Istituto coordina studi su diverse epoche (compreso bizantina e moderna) in settori diversi come storia, antropologia, belle arti.

Dalla fine del secolo scorso (1992) i danesi; il loro è Istituto Archeologico e culturale, vi studia Storia, Antropologia, Belle arti in era antica e moderna. Nel 1996, un accordo di cooperazione tra questo Istituto e gli omologhi norvegese, svedese, finlandese dà vita alla imponente Biblioteca nordica ad Atene.

Share this article

About the author

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may also like

Read in your language

Listen to our podcast

Reserved area

Columns

Write For Us

Job and Future

Not Only Med

Archive

Revolutions

Med Youth Forum

Receive our news

Search

Previous months

Archives
Edit Template

Partnership

Follow Us

Cc.logo.white
All rights reserved © Focusméditerranée | registered at the Court of Milan, Italy (n.182 on 31/3/2011) | Privacy policy