Libano: Operation Salam, la pace sui tetti di Tripoli

https://www.youtube.com/watch?v=lQ1CW2bljQ8

Sono due gemelli libanesi, vivono a Tripoli e sono gli ideatori del progetto artistico Ashekman. Hanno scelto la parola araba “Salam” – che significa pace – per rispondere alla guerra con l’arte. L’hanno dipinta su 82 tetti della città: un’installazione che si estende per 1,3 chilometri e si può leggere solo dal cielo.

Operation salam, Ashekman. Tripoli (Libano)“Vogliamo cambiare la percezione che gli altri hanno di noi”, spiegano Omar e Mohamed Kabbani. Sono artisti di strada, ma sono anche giovani che esprimono responsabilmente un messaggio di solidarietà. Originari di Beirut, hanno scelto di spingersi più a nord, dove l’arte è pressoché inesistente perché non porta profitto.

L’obiettivo dei due fratelli era quello di unire con la creatività due quartieri di Tripoli profondamente divisi: Jabal Mohsen, a maggioranza alawita, e Bab al-Tabbaneh, popolato da sunniti.

Con il supporto della ONG locale March, hanno reclutato oltre 50 residenti di entrambi i quartieri, che hanno partecipato attivamente al progetto nominato “Operation Salam“, aiutando Omar e Mohamed a dipingere le lettere di pace sui loro tetti. Proprio lassù, dove poco tempo prima volavano solo insulti e pallottole.

(Fonte: CNN, Middle East Eye)

Share this article

About the author

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may also like

Read in your language

Listen to our podcast

Coming Soon

Reserved area

Columns

Write For Us

Job and Future

Not Only Med

Archive

Revolutions

Med Youth Forum

Receive our news

Search

Previous months

Archives
Edit Template

Partnership

All rights reserved © Focusméditerranée | registered at the Court of Milan, Italy (n.182 on 31/3/2011) | Privacy policy