Libri/ I dannati della Terra Santa, il cinema come agente di storia

i-dannati-della-terra-santa-monica-macchi-640
Gli scontri recenti nella città palestinese Nablus, in Cisgiordania, durante un’incursione dell’esercito israeliano; quelli del 27 febbraio, nella cittadina palestinese di Huwara, presa d’assalto da coloni estremisti ebrei dopo l’uccisione di due fratelli israeliani; le manifestazioni di ieri in molteplici città di Israele contro la riforma giudiziaria voluta dal governo di destra di Benjamin Netanyahu sono solo tre dei tanti episodi di violenza e malcontento che continuano a perpetuarsi in Palestina ed Israele. C’è chi si è soffermato a riflettere su quest’area caotica del mondo e ha usato il cinema per tracciare un’inedita mappatura geografica del Medio Oriente.

Monica Macchi, docente di italiano L2, mediatrice culturale e linguistica in area arabo-islamica e autrice del libro “I dannati della Terra Santa. Sionismo e colonizzazione israeliana nel cinema militante (Durango Edizioni), ha scelto proprio il cinema come agente di storiaLo “schermo” svela realtà composite e apre uno spazio narrativo e visivo inedito rispetto a quello mainstream che oscilla tra egemonia coloniale ed esotismo.

“Accanto al testo scritto che utilizza solo il codice verbale – spiega l’autrice – ho pensato di suggerire una filmografia di altissimo livello, che raramente arriva sui nostri schermi al di fuori del circuito dei festival, dove l’Altro sia soggetto filmico di auto narrazione e non un mero oggetto dello sguardo altrui.”

Attraverso lo sguardo dell’Altro, si vuole, quindi, mostrare e recuperare l’esperienza del Levante, inteso come archivio sonoro, visivo e letterario di un Mediterraneo non ancora ingabbiato dai rigidi confini degli Stati-nazione. La decostruzione della logica sionista, che proietta forme di nazionalismo innestato su politiche coloniali, restituisce così un immenso patrimonio di simboli, concetti ed influenze della componente ebraica nel mondo arabo-islamico. Il cinema ci emoziona e così ci permette di guardare quello che prima forse ignoravamo, sviluppando capacità di analisi e riflessione critica. 

Slider_I-dannati-della-terra-Santa-440x240Monica Macchi propone anche schede didattiche come strumento pedagogico per stimolare giovani studenti. Per l’autrice è fondamentale che prima e dopo la visione del film venga dedicato tempo alla discussione e alla riflessione collettiva. Le attività di gruppo non devono essere lezioni frontali, ma momenti strutturati con approcci metodologici integrati. L’insegnante utilizzerà queste schede didattiche per stimolare i giovani che potranno rielaborare racconti ed esperienze personali superando stereotipi e pregiudizi, estendendo lo sguardo anche a macro-fenomeni come flussi migratori, sopraffazione e violenza. Si potrà lavorare anche sulla costruzione della memoria personale e collettiva.

 

Share this article

About the author

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may also like

Read in your language

Listen to our podcast

Reserved area

Columns

Write For Us

Job and Future

Not Only Med

Archive

Revolutions

Med Youth Forum

Receive our news

Search

Previous months

Archives
Edit Template

Partnership

Follow Us

Cc.logo.white
All rights reserved © Focusméditerranée | registered at the Court of Milan, Italy (n.182 on 31/3/2011) | Privacy policy