«

»

MedadaptAwards, lotta al cambiamento climatico

Il Mediterraneo è il più grande mare semichiuso del nostro pianeta, un oceano in miniatura molto vulnerabile ai cambiamenti climatici. Uno studio condotto da University of Reading in collaborazione con il National Research Council of Italy, l’Istituto di Scienze dell’atmosfera e del clima (CNR-ISAC, Bologna) e l’Imperial College London rivela un’importante riduzione delle precipitazioni nell’area generata dall’aumento delle concentrazioni atmosferiche dei gas serra. Inoltre, l’incremento della temperatura media dell’acqua è una minaccia per molte specie animali e per la flora marina. Riflettere su nuovi modelli comportamentali da adottare è indispensabile per evitare il progressivo deterioramento dell’attuale situazione e preservare il Mediterraneo e l’intero pianeta.

Mediterranean climate change adaptation Awards” è un concorso rivolto al settore pubblico e privato (autorità locali, università, ONG, aziende …) contro i cambiamenti climatici nel Mediterraneo.

Lanciato il 20 gennaio scorso da ADEME, l’agenzia francese per la transazione ecologica – con il supporto dei suoi partner mediterranei Plan Bleu e Union for the Mediterranean – il concorso ha la finalità di premiare azioni esemplari di adattamento ai cambiamenti climatici.

Ph. Alexandre Chambon-Unsplash

C’è tempo fino al 15 aprile 2021 per partecipare all’iniziativa e inviare la propria candidatura. Tre sono le categorie eleggibili:

1- Strutture e infrastrutture resilienti (es. sviluppo urbano finalizzato al miglioramento del comfort termico estivo o della gestione delle acque piovane, adeguamento edilizio, azioni volte a rafforzare la solidità di reti e
infrastrutture agli eventi climatici …).

2 – Salvaguardia degli ecosistemi (es. raffreddamento urbano, promozione della continuità ecologica, controllo della domanda di acqua potabile, mobilitazione risorse alternative, adattamento di pratiche agricole e forestali al cambiamento climatico, …).

3 – Progettazione, attuazione e monitoraggio delle politiche pubbliche (es. programmi di ricerca territoriale, azioni finalizzate alla formazione, sensibilizzazione, coinvolgimento, ….).

E di progetti ambiziosi per combattere i cambiamenti climatici (non solo nell’area mediterranea) ce ne saranno sempre di più, soprattutto dopo le recenti mosse del presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, che ha firmato numerosi decreti e lanciato un piano d’azione per attuare il New Green Deal – promesso durante la sua campagna elettorale – volto a combattere il fenomeno dei cambiamenti climatici sia a livello nazionale, sia internazionale.

Info: Per inviare la tua candidatura e partecipare al MedadaptAwards

Lascia un commento