EGITTO/ Patrick Zaki libero, Alaa Abd el-Fattah ancora in carcere

Patrik ZakiAlaa Abd el-FattahPatrick Zaky è libero, Alaa Abd el-Fattah ancora no.

Dopo due anni di detenzione nelle carceri egiziane, Patrick ne è uscito con un sorriso, un sacchetto di plastica che conteneva gli abiti per tornare alla vita e indosso ancora la divisa bianca del carcere egiziano. “Vi ringrazio per tutto quello che avete fatto per me”, ha detto agli italiani. Adesso bisognerà capire se sarà sottoposto a obbligo di firma e quando potrà lasciare l’Egitto, sicuramente non prima della fine del processo.
Oggi, sono oltre 60mila i detenuti politici e di coscienza in carcere in Egitto. Sono sottoposti a torture, esecuzioni capitali, ingiusto processo, il tutto in palese violazione dei diritti umani e civili.

Il 20 dicembre 2021(NdR)* sarà il turno del giovane blogger e attivista Alaa Abd el-Fattah, che verrà giudicato senza che l’accusa abbia fornito prove sui capi di imputazione.

Programmatore informatico e una delle figure di spicco della rivolta egiziana del 2011 contro il regime di Hosni Mubarak Alaa Abd el-Fattah è anche l’autore del libro Non siete stati ancora sconfitti, scritti  editi da Hopefulmonster e accompagnati da un testo di Paola Caridi.
È stato arrestato più volte e rilasciato, sino al suo ultimo arresto da parte dei servizi di sicurezza egiziani nel settembre 2019. È stato poi sottoposto a un processo farsa con le accuse di “appartenere a un gruppo terrorista”, “uso improprio dei social media” e pubblicazione di notizie false”.

Non siete stati ancora sconfitti by Alaa Abd el Fattah

Alaa è divenuto la figura simbolo della dissidenza egiziana. È stato privato anche dei libri e della carta per scrivere.
L’attivista incarna un’intera generazione di giovani egiziani che mettono la propria vita e la propria intelligenza al servizio del diritto alla dignità, individuale e collettiva.

Il suo libro raccoglie riflessioni avvenute nel 2019, nel periodo di libertà vigilata, a ridosso dell’anniversario del massacro di Rabaa al-Adawiya. Si tratta della strage perpetrata dal governo militare egiziano giunto al potere il 3 luglio 2013 dopo un colpo di Stato guidato dall’attuale Presidente ʿAbdel Fattāḥ al-Sīsī contro i manifestanti assiepati nella piazza.

Da ottobre in libreria, Non siete stati ancora sconfitti è arrivato in Italia grazie a una rete internazionale di editor e giornalisti, alla famiglia dell’autore e ad Amnesty International, che da anni segue il caso dello scrittore tuttora in carcere. Per non dimenticare i tanti Patrick e Alaa ancora in carcere in Egitto, ve ne consigliamo la lettura.

Info: Non siete stati ancora sconfitti  – Hopefulmonster

*(NdR): Il 20 dicembre 2021 Alaa Abd el-Fattah è stato condannato ad altri 5 anni di prigione, insieme al suo avvocato e al blogger Mohamed “Oxygen” Ibrahim.

Share this article

About the author

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may also like

Read in your language

Listen to our podcast

Coming Soon

Reserved area

Columns

Write For Us

Job and Future

Not Only Med

Archive

Revolutions

Med Youth Forum

Receive our news

Search

Previous months

Archives
Edit Template

Partnership

All rights reserved © Focusméditerranée | registered at the Court of Milan, Italy (n.182 on 31/3/2011) | Privacy policy