Tahrir, c’è chi l’ha vista


“Loro” hanno visto. Loro l’hanno vista. Perché c’erano e possono raccontare davvero come è andata. Da tante angolazioni diverse. Ma con un’unica comune certezza: la fierezza di essere egiziani. Sono studenti, madri di famiglia, impiegati, commercianti, musulmani e cristiani. Sono i nove protagonisti di Shuft, il documentario di Lucrezia Botton, Matteo Vivianetti, Andrea Balossi Restelli, realizzato tra febbraio e giugno 2011 dagli autori al Cairo. Nato da un’idea: rappresentare la rivolta in piazza Tahrir attraverso il ricordo di chi c’è passato, e da chi non sempre ci credeva al 100%.

«Il video – racconta il regista Andrea Balossi Restelli, che ha curato il montaggio dei materiali – è volutamente “sporco”: girato con telecamerine manuali, ha come obiettivo quello di raccontare la rivolta attraverso il vissuto degli abitanti del Cairo. Ci siamo avvalsi anche di piccoli filmati girati in piazza con i telefonini e di video caricati da Youtube per ottenere un effetto da presa diretta».

Botton e Vivianetti, entrambi italiani che vivono e lavorano al Cairo, hanno costruito questo lavoro a caldo: «Due settimane dopo la destituzione di Mubarak». Hanno piazzato una telecamera davanti a nove “egiziani-tipo” nel salotto della loro casa, al bar, sul terrazzo o in piedi davanti a una mostra  e si sono fatti raccontare il risultato di quella esperienza: hai visto? Cosa hai visto?

Neama, Mai, Ibrahim Zizo, Shafir e tutti gli altri cui il documentario Shuft dà voce, non vedono l’ora di testimoniare per primi la loro meraviglia. Ibrahim: «Abbiamo imparato a fare la rivoluzione grazie ai tunisini». Shafir: «In piazza Tahrir, nessuno aveva paura». Neama: «Prima il governo aveva creato tensioni tra cristiani e musulmani, ma durante la rivoluzione ci volevamo tutti bene». Questa è la meraviglia di chi si scopre egiziano ed è fiero di esserlo. Tra loro, c’è chi ammette che prima non si interessava di politica e ha iniziato seguendo i ragazzi tunisini su Facebook; c’è chi si sorprende del fatto che gli egiziani della middle-high class siano scesi in piazza a manifestare; c’è chi ammette di non aver creduto nelle nuove generazioni e ha dovuto cambiare idea; c’è chi adesso sa che alle manifestazioni bisogna andare armati di pepsi, aceto e cipolla, per impedire di essere storditi dai lacrimogeni; c’è chi confessa di essersi sempre bevuto la propaganda del regime e di avere aperto gli occhi solo grazie alle associazioni per i diritti umani; c’è chi racconta fino a che punto il governo di Mubarak si avvalesse di un vero e proprio stato di polizia per mantenere l’ordine; c’è chi è convinto che il peggio sia passato e il meglio sia ancora tutto da ricostruire. C’è chi dice, semplicemente: shuft, io ho visto. Io c’ero.

Share this article

About the author

Leave a comment

3 Comments

    Your email address will not be published. Required fields are marked *

    You may also like

    Read in your language

    Listen to our podcast

    Reserved area

    Columns

    Write For Us

    Job and Future

    Not Only Med

    Archive

    Revolutions

    Med Youth Forum

    Receive our news

    Search

    Previous months

    Archives
    Edit Template

    Partnership

    Follow Us

    Cc.logo.white
    All rights reserved © Focusméditerranée | registered at the Court of Milan, Italy (n.182 on 31/3/2011) | Privacy policy