“Cassinari Mediterraneo”, tra forma e colore

Siamo andati a visitare per voi la mostra Cassinari Mediterraneo, allestita a Piacenza in occasione dei cent’anni della nascita dell’artista Bruno Cassinari. Un’esposizione sulla sua stagione “mediterranea” degli anni ’50.

LA MIA VERITÀ – Un’esplosione di colore che vi consigliamo di non perdere. Attendiamo i vostri commenti!

Sono gli anni in cui Cassinari entra in contatto con l’arte di Picasso, Braque, Chagall, a cui si integra la riflessione sulla fase finale di Matisse. Una selezione di opere – una quarantina in tutto –  che percorrono il periodo che va dall’estate del 1949, quando l’artista inaugurò il suo atelier ad Antibes, alla riapertura, nel 1962, dello studio a Gropparello, con la rinascita della nuova stagione “terragna”, di espressionismo gestuale e materico.

La mostra si apre con l’Autoritratto del 1956, strutturato come le teste della madre e delle “pupazze”, una delle iconografie dominanti e più tipiche del decennio. Campeggiano le grandi tele della pesca ad Antibes, “mute cariatidi che contemplano da secoli gli arrivi e le partenze dei piccoli e grandi navigli”. La passione per il mare si ritrova anche negli appunti del maestro: “Credo troppo nel colore del mare, davanti a cui lavoro per tanti mesi”.

L’esposizione continua con le esplosioni di colore, tipiche di Cassinari, con ritmo e senza mai annoiare. La sua pittura  si è sempre distinta per il  carattere di lenta, profonda e quasi mistica meditazione sulla tensione tra forma e colore.
Il suo colore
, infatti, sia quando è squillante e luminoso, sia quando si inabissa in buie profondità, ha sempre una forte allusività lirica e ed evocativa. E’ presente in mostra anche il quadro esposto nella personale alla Biennale di Venezia del 1960 e subito dopo nella grande antologica a Darmstadt e a Berlino.

Cassinari Mediterraneo illustra il periodo aureo negli anni ’50 della pittura del maestro e della sua piena affermazione nella tradizione d’avanguardia europea – afferma il curatore Marco Rosci  –  per sua precisa e volontaria scelta nel momento del cambio della guardia fra Parigi e New York, fra l’apertura dello studio estivo ad Antibes, della mostra al Museo di Antibes su invito di Picasso e della conoscenza di Chagall all’inaugurazione della villa di Maeght a Saint-Paul de Vence e il ritorno ai verdi umori delle colline padane di Gropparello nel 1959″.

Info: Cassinari Mediterraneo sarà ospitata dal 17 marzo al 27 maggio dalla Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi a Piacenza.

Share this article

About the author

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may also like

Read in your language

Listen to our podcast

Reserved area

Columns

Write For Us

Job and Future

Not Only Med

Archive

Revolutions

Med Youth Forum

Receive our news

Search

Previous months

Archives
Edit Template

Partnership

Follow Us

Cc.logo.white
All rights reserved © Focusméditerranée | registered at the Court of Milan, Italy (n.182 on 31/3/2011) | Privacy policy