Sposare una donna significa sposarsi la suocera

Dove eravamo rimasti? Ah, certo, al capitolo suocera. E a lui che dice “mi piace tua madre”. Questa frase mi sembrava una stranezza, ma ormai me ne sono fatta una ragione. E ho capito in pieno. Sposare una donna significa sposarsi la suocera.

E la tecnologia, che allaccia la famiglia dispersa nella globalità, rende reale e consolida ciò che potrebbe essere solo virtuale. Anche tra suocera e genero.

Fu così che quando presentai “lui” a mia madre via Skype si piacquero così tanto che adesso assisto, mio malgrado, a delle sceneggiate napoletane. Lei che si sbraccia in italiano, lui che sorride e dice “come stai” con un tono dolcemente gutturale. Lei che risponde “bii kheir” senza aspirare mezza lettera.

Mi sento così vittima della loro complicità che lo sono davvero. Perché fanno combutta senza parlare la stessa lingua e fanno a gara nel dimostrarmi che ho sempre torto. Beato lui, amoroso e amato infiltrato dei sentimenti, adulatore di professione, che, con un sorriso e un complimento, ha conquistato una seconda madre, mamma Italia. La mia.

Share this article

About the author

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may also like

Read in your language

Listen to our podcast

Coming Soon

Reserved area

Columns

Write For Us

Job and Future

Not Only Med

Archive

Revolutions

Med Youth Forum

Receive our news

Search

Previous months

Archives
Edit Template

Partnership

All rights reserved © Focusméditerranée | registered at the Court of Milan, Italy (n.182 on 31/3/2011) | Privacy policy