Coppia mista? C’è il “consulente islamico”

È passata una settimana e non so più che fare. La povera Gloria – ricordate la storia della mia amica che ha scoperto le tresche del suo uomo su Facebook? – è caduta in una prostrazione profonda. Direte voi: meglio un colpo di spugna e via. Tanto vale che dimentichi Omar e volti pagina.

Certo, non c’è solo lui al mondo. Ma sapete com’è l’amore e quante giustificazioni ognuno si dà per tenersi legato alle relazioni più assurde. Almeno finché non ha capito che esistono delle vie d’uscita alternative alla dipendenza. Lei è innamorata e tende a giustificarlo. Ogni giorno mi chiama e, tra un pianto e un’arrabbiatura, rimane fissa allo stesso punto di prima: «Lo amo».

Ma la questione qui è un’altra: Omar ha un’altra famiglia e, soprattutto, una moglie ancora legittima. Roba che una donna occidentale fa fatica ad accettare (del resto, non va a genio a nessuna/o anche l’idea che il proprio partner abbia un’amante in carica. Figurarsi una moglie). Dunque, che fare? Ho detto a Gloria che l’idea di prendersi in carico Omar con tutta la tribù, pur se lontana, mi pare un eccesso d’amore, una sconfitta d’identità e forse di dignità. Ma lei è irremovibile. Del resto, lui ha cercato di salvarsi in corner dicendole che aveva paura di perderla, rivelandole questa verità. E che comunque vuole assolutamente sposarla. Come seconda moglie, certo. E ripeto: adesso, che fare?

Qui mi è venuta un’idea. Ho un amico. Giovane, bello, iraniano. Musulmano sciita di famiglia e tradizione. Vive in Italia già da 20 anni. Insomma, possiede abbastanza entrambe le culture, conosce bene le donne italiane e ha un repertorio tale di racconti, su famiglie allargate e poligamia, che potrebbe essere d’aiuto a Gloria (e perché no, anche a me).

Lo chiamo e gli spiego tutto. “Mehrdad, ci vediamo e dai un buon consiglio a Gloria?” “Certo – mi risponde – volete che vi faccia da consulente islamico?” Consulente islamico? Come sarebbe a dire? Mi vien da ridere ma Mehrdad è serissimo. “Sai quante donne italiane si trovano in questa situazione? Non hai idea”. Davvero non immaginavo.

Mehrdad mi spiega che, tra le sue conoscenze, questa storia non è la prima che sente. Gloria non è la prima e non sarà l’ultima donna a chiedergli consiglio. “La poligamia esiste. Meglio conoscere bene questa realtà e le leggi che la regolano, in modo da scegliere in coscienza”. Oddio, penso, la nostra società sta già cambiando e Mehrdad si è inventato il lavoro del futuro.

“Va bene – rispondo – la prossima settimana siamo da te”. Chiudo il telefono e mi sorprendo con un punto interrogativo in testa, guardandomi attraverso lo specchio. Caspita, adesso non basta più solo lo psicologo. Tocca pagare pure il consulente islamico. Per fortuna Mehrdad è solo all’inizio della sua carriera.

Share this article

About the author

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may also like

Read in your language

Listen to our podcast

Reserved area

Columns

Write For Us

Job and Future

Not Only Med

Archive

Revolutions

Med Youth Forum

Receive our news

Search

Previous months

Archives
Edit Template

Partnership

Follow Us

Cc.logo.white
All rights reserved © Focusméditerranée | registered at the Court of Milan, Italy (n.182 on 31/3/2011) | Privacy policy