Il Ramadan nei Paesi in conflitto

ramadamIl Ramadan, che inizia il 10 luglio, è già segnato dalla violenza in molti Paesi musulmani.

In Egitto, la destituzione del presidente Mohamed Morsi da parte dell’esercito è stato seguita da dimostrazioni dei Fratelli Musulmani sanguinosamente repressa, in mezzo a forti tensioni tra laici e islamisti.

In Siria, dove la guerra ha già fatto 100mila morti, secondo le organizzazioni dei diritti umani, non è certo che si sente la chiamata a rispettare una tregua durante il Ramadan, lanciata da Ban Ki-Moon. Il Segretario Generale delle Nazioni Unite ricorda la tradizione musulmana di una tregua dei conflitti durante questo mese sacro e ha invitato “tutte le parti in Siria a rispettare l’obbligo religioso per almeno un mese”.

In Turchia, la parte di conflitto che si gioca tra il governo e l’opposizione a Erdogan intorno a Gezi Park, a Istanbul, non è terminata. Sabato 6 luglio, la polizia è intervenuta per rimuovere migliaia di manifestanti che si erano radunati.
(fonte CourrierInternational)

Share this article

About the author

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may also like

Read in your language

Listen to our podcast

Coming Soon

Reserved area

Columns

Write For Us

Job and Future

Not Only Med

Archive

Revolutions

Med Youth Forum

Receive our news

Search

Previous months

Archives
Edit Template

Partnership

All rights reserved © Focusméditerranée | registered at the Court of Milan, Italy (n.182 on 31/3/2011) | Privacy policy