Pillole di saggezza popolare dal re dei falafel

Ho deposto le armi. Dopo anni di discussioni e competizioni culinarie, ho deciso di dichiararmi sconfitta. Mr. Bardugo e i suoi falafel hanno vinto.

“Voi europei, non capirete mai il mondo arabo – mi ha detto una volta. Per un piatto di pasta non andreste certamente al macello. Qui, invece, per una pita al giorno, ci si può fare ammazzare”.
Mr. Bardugo è un cuoco ebreo marocchino e guru di un piccolo fast food che serve bombe caloriche a qualunque ora. Ha sfamato più bocche lui della FAO. E’ convinto che gli uomini del Vicino e Medio Oriente non siano fatti di carne e ossa, ma di ceci, aglio, sesamo e limone.

E’ da anni che combatto con il famoso chiosco di Bardugo. Da quando vivo in Israele questo simpatico signore è riuscito a farmi imprecare più di una suocera yiddish. Non si contano infatti le volte che ho cucinato manicaretti a vuoto, con mio marito che, davanti alla tavola imbandita, mi diceva di non avere appetito. “Certo che non hai fame” – strillavo io. “Ti sei di nuovo strafogato da Bardugo!”. Ogni volta la stessa storia. Unica prova dei miei sospetti un seme di sesamo incastrato tra i denti nel suo sorriso fintamente innocente.

Il menù è rigorosamente a base di pita, il famoso pane arabo piatto e tondo che s’incide da un lato come fosse una tasca e si riempie – secondo i gusti – con polpette di ceci fritte, melanzane con tehina (una salsa di semi di sesamo) o cotolette di pollo, con aggiunta di humus, verdure e gli immancabili cetrioli sottaceto.

Per una novizia come me, mangiare un falafel senza sbrodolarsi è impossibile. Ancora oggi mi copro di macchie e di ridicolo quando ne addento uno. Ed ogni volta giuro che non lo mangerò mai più, perché nulla può superare per bontà e delicatezza la cucina italiana. Mio marito, ovviamente, la pensa diversamente. Non c’è, infatti, un tipo di pasta o piatto tradizionale dello stivale che sia riuscito a battere la sua primordiale voglia di falafel.

Oggi sono andata dal mio nemico gastronomico e ho sventolato un tovagliolo bianco. “Mr. Bardugo, hai vinto! – gli ho detto – Arabia-Italia, uno a zero”. Mio marito, incredulo, ha ordinato subito una pita con cotoletta. E mentre lui mangiava in estasi, io ho cercato di estrapolare pillole di saggezza popolare dal re dei falafel.

Intento a riempire la mia pita, Mr. Bardugo mi parla degli ultimi scontri al confine tra Siria e Israele, dove i dimostranti palestinesi che vivono in Siria sarebbero stati pagati dalle forze governative e insieme al Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina – Comando Generale avrebbero reclutato i dimostranti per forzare il confine israeliano del Golan.

L’organizzazione PFLP-GC di Ahmed Jibril, vicina al presidente siriano Bashar al Assad, sapeva che i dimostranti sarebbero finiti sotto il fuoco israeliano e che i morti al confine avrebbero deviato l’attenzione dei media dalla ferocia assassina di Assad.

“Purtroppo – ha concluso Bardugo – in Medio Oriente non siamo uomini, ma pedine affamate tra le mani di bestie violente e ingorde”.

Share this article

About the author

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may also like

Read in your language

Listen to our podcast

Reserved area

Columns

Write For Us

Job and Future

Not Only Med

Archive

Revolutions

Med Youth Forum

Receive our news

Search

Previous months

Archives
Edit Template

Partnership

Follow Us

Cc.logo.white
All rights reserved © Focusméditerranée | registered at the Court of Milan, Italy (n.182 on 31/3/2011) | Privacy policy