Cinema e immigrazione: le pellicole israeliane sbarcano in Italia

Si è conclusa il 23 giugno scorso la rassegna dedicata al “Nuovo Cinema israeliano”, presentata allo Spazio Oberdan di Milano in concomitanza con la manifestazione Unexped Israel. La diversità e l’originalità sono i filoni scelti quest’anno. Ricorre spesso il tema dell‘immigrazione. E non è certo un caso, visto che in Israele un quinto della popolazione è costituito da immigrati arrivati negli anni ’90 dall’ex Unione Sovietica.

LA MIA VERITÀ – La filmografia israeliana fa certamente riflettere sulle problematiche e le difficoltà che il Paese ancora adesso affronta quotidianamente.

________________________________
Persone che dimenticano le proprie origini e vengono assorbite in un nuovo contesto sociale, altre che – nonostante il forte cambiamento verso il quale si sono esposte – non si allontanano dalle proprie tradizioni e continuano a parlare la lingua madre.

Tra i migranti dell’ex Unione Sovietica c’è anche la regista Dana Goren, che a Milano ha presentato Diplomat: la storia di un hotel a 5 stelle di Gerusalemme che, da oltre 20 anni, ospita 600 immigrati. Un film sulla difficoltà di integrazione, dove i protagonisti parlano in russo, escono raramente dall’albergo e frequentano solo i membri della loro comunità, con i quali condividono una malinconica nostalgia. Ma amicizia e amore possono sconfiggere quella nostalgia. In Ida’s Dance Club di Dalit Kimor un gruppo di ultrasettantenni – per lo più immigrati – frequentano a Tel Aviv la sala da ballo di Ida (una ex cantante) e dimenticano il passato.

Il gap culturale tra i giovani immigrati e la società viene rappresentato dalle vicende accadute nel 1997 in un carcere militare, raccontate in The Loners dal regista e direttore della Sam Spiegel Film and Television School Renen Schor: due detenuti russi si barricano per 36 ore in un’ala del penitenziario minacciando di colpire gli ostaggi. I protagonisti sono due “soldati solitari”: uomini arruolati nell’esercito israeliano, allontanati dalle proprie famiglie e privati di una cultura sulla quale aggrapparsi.

La sfera più intima della vita in Israele viene invece svelata dai cortometraggi realizzati dagli studenti della Sam Spiegel School di Gerusalemme e dai telefilm e serie televisive locali, che raccontano una realtà di tradizioni e consuetudini. Tra questi A Touch Away di Ronit Weiss Berkovic e Roni Ninio (vincitori all’Israeli Academy), la storia di due famiglie israeliane – una appena immigrata dalla Russia e l’altra ebraica – che si trasferiscono contemporaneamente in un quartiere ortodosso della città di Bnei-Brak, nei pressi di Tel Aviv. Con il più alto rating nella storia della televisione israeliana, la serie ha attirato l’attenzione delle case produttrici americane, come HBO, che ne ha acquistato i diritti. E così, anche in America – terra di grandi migrazioni – il pubblico sarà invitato a conoscere storie oltre confine, sicuramente un po’ rivisitate.

Share this article

About the author

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may also like

Read in your language

Listen to our podcast

Coming Soon

Reserved area

Columns

Write For Us

Job and Future

Not Only Med

Archive

Revolutions

Med Youth Forum

Receive our news

Search

Previous months

Archives
Edit Template

Partnership

All rights reserved © Focusméditerranée | registered at the Court of Milan, Italy (n.182 on 31/3/2011) | Privacy policy