L’islamofobia, un nuovo razzismo?

isDopo l’uscita del libro Islamophobie, comment les élites françaises fabriquent le “problème musulman” e l’analisi degli autori – i sociologi Abdellali Hajjat e Marwan Mohammed – sul “consenso nazionale” intorno all’idea che l’Islam e la presenza dei musulmani in Francia creino dei “problemi” (L’islamophobie va au-delà d’un simple racisme – Le Monde 28 settembre 2013), Stéphanie Le Bars, giornalista del quotidiano francese Le Monde, affronta il tema spinoso dell’islamofobia in una chiacchierata con i lettori del giornale online. Le Bars ritiene che le discriminazioni sotto diverse forme di razzismo “coesistono e talvolta si sovrappongono così facilmente da divenire indistinguibili”.

Delama : Qual è la definizione accettata del termine “islamofobia” ?

Stéphanie Le Bars:  Dal punto di vista della maggior parte degli osservatori , l’ islamofobia è un termine viziato perché suggerisce una collettiva “paura ” dell’Islam . Si è imposto gradualmente per diversi anni come la definizione di azioni, di sentimenti di pregiudizio contro i musulmani o presunti tali.

Delama: il termine islamofobia è stato inventato nel 1979 dai mullah iraniani che volevano far passare le  donne che si rifiutavano di indossare il velo come delle “cattive musulmane”, accusandole di essere ” islamofobie”. Qual è esattamente l’origine della parola ?
Secondo i ricercatori, questa parola è stata usata per la prima volta in francese nei primi anni del XX secolo dagli antropologi che lavorano in Africa: riguardava il rifiuto della religione musulmana da una parte dell’amministrazione di ex colonie . Durante gli anni ‘90, il termine è stato oggetto di dibattito nei Paesi anglosassoni .
In Francia , effettivamente, dai primi anni del 2000, gli studiosi hanno fornito una origine non corretta che è stata tuttavia accettata senza discussione. La loro definizione suggerisce che il concetto di islamofobia è uno strumento atto a rendere inefficace qualsiasi critica di fondamentalismo islamico .

Nefertiti: Questo è davvero un nuovo razzismo? Non si è passato, attraverso un cambiamento semantico, da anti-arabo / immigrato  ad anti- musulmano?
Non possiamo dire che il razzismo anti-musulmano è completamente sostituito dal razzismo anti-arabo o dal razzismo anti-immigrati nella misura in cui le discriminazioni in tutte le forme di razzismo convivono e talvolta si sovrappongono così facilmente da essere indistinguibili .

Mohamed: L’essenza della popolazione musulmana di Francia come gruppo omogeneo non è frutto soprattutto della mancanza di conoscenza dei mezzi di comunicazione? Utilizzare costantemente parole shock (“jihad “, “sharia”, “salafita”, ecc . ), che sono in realtà praticamente sconosciute ai musulmani stessi, non comporta la stigmatizzazione dei francesi di origine musulmana?
Probabilmente. La conoscenza dell’Islam attraverso gli eventi internazionali e geopolitici offusca l’immagine dell’Islam . Questa notizia non può essere ignorata, ma ovviamente non riflette la diversità e la complessità del fenomeno in tutto il mondo musulmano , in particolare in Francia.

Per continuare a leggere lo scambio clicca qui.

Share this article

About the author

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may also like

Read in your language

Listen to our podcast

Coming Soon

Reserved area

Columns

Write For Us

Job and Future

Not Only Med

Archive

Revolutions

Med Youth Forum

Receive our news

Search

Previous months

Archives
Edit Template

Partnership

All rights reserved © Focusméditerranée | registered at the Court of Milan, Italy (n.182 on 31/3/2011) | Privacy policy