Paris Photo 2023: Payram, la fotografia di un esiliato

Spazio alla fotografia anche quest’anno a Parigi. Da oggi fino al 12 novembre Paris Photo, la più importante fiera internazionale dedicata alle immagini, aprirà le porte del Grand Palais Éphémère, uno spazio espositivo temporaneo progettato dall’architetto Jean-Michel Wilmotte sugli Champ-de-Mars. Presente all’evento parigino anche Payram, artista di origine iraniana ed esperto di stampe fotografiche di grande formato.

Promuovere il mercato della fotografia e offrire ad un grande pubblico un programma ricco di progetti creativi, proposte, incontri e visioni del mondo che ci circonda restano l’auspicio e l’obiettivo principali anche di questa edizione. Presenti all’evento 191 espositori, tra gallerie (di cui 10 italiane) ed editori, provenienti da 25 Paesi diversi e 800 artisti. Nella sezione “Curiosa”  saranno presentati diciasette fotografi che partecipano a Paris Photo per la prima volta.

L’esilio è uno stato mentale e fisico”, spiega Payram, mentre racconta alla giornalista Pauline Picard su France24 la sua storia di esiliato. Ripensa alla  Rivoluzione islamica iniziata nel suo Paese nel 1979, quando lui aveva 20 anni e studiava cinema a Theran. Da allora, la sua vita e quella di molti iraniani è radicalmente cambiata.

La nostra generazione è stata colpita da esilio, prigione e guerra. E’ una generazione che ha subito la Rivoluzione iraniana e la successiva repressione per almeno 3 anni e poi la guerra in Iraq.  Nel 1983, Payram è scappato dall’Iran, raggiungendo prima la Turchia e poi la Francia.  Da allora, ha preso in mano la macchina fotografica e non ha più smesso di scattare.

“Noi esiliati sentiamo fisicamente qualcosa di particolare che influenza il nostro sguardo e la nostra visione del mondo”, spiega.  “Ho scelto la fotografia come un mezzo di espressione per mostrare questo stato interiore”.

Payram ha realizzato molti progetti, tra cui il libro Dialogue photographique sur la route de la soie con il fotografo del XIX secolo Paul Nadar, e un reportage in Siria, dove ha realizzato un lavoro su tre città e tre materie. E’ soprattutto in Siria che ha scelto di utilizzare la Polaroid per poter avere una prova instantanea diretta a partire dal momento in cui creava l’immagine. Questo mezzo gli ha permesso di avere un’immagine fisica e immediata e dunque più facilità nel comunicare con la gente che fotografava ad Aleppo e Damasco.

Sono 40 anni che Payram è lontano dalla sua patria. Pensando all’Iran e guardandolo da lontano, vede il coraggio delle donne che reclamano la loro libertà. Vede movimenti, manifestazioni, vede una lotta quotidiana che forse gli dà speranza. Chissà se prima di morire riuscirà a rivedere sul suo Paese: “Niente è eterno. Quel giorno, sarà un giorno con me o senza di me”.

Share this article

About the author

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may also like

Read in your language

Listen to our podcast

Reserved area

Columns

Write For Us

Job and Future

Not Only Med

Archive

Revolutions

Med Youth Forum

Receive our news

Search

Previous months

Archives
Edit Template

Partnership

Follow Us

Cc.logo.white
All rights reserved © Focusméditerranée | registered at the Court of Milan, Italy (n.182 on 31/3/2011) | Privacy policy