Le prime parole che mi ha detto…

 

Al salam aleykum, lettori. Di me ormai sapete alcune cose. Ma oggi ve ne racconto un’altra. Perché, per sopravvivere a un fidanzamento all’islamica, si parte da qui.

Quando il vostro principe arabo inizia a corteggiarvi, il rischio è non capire esattamente cosa vi stia accadendo. Soprattutto dal giorno in cui lui, che ha intenzioni serissime, vi dice una cosa strana che suona più o meno così: “Porta i miei omaggi a tua madre che è più bella di te”.

Oddio, abbiamo sentito bene? Ha fatto un complimento a mia madre? Ma come fa? Nemmeno la conosce. Ha intravisto una foto su Facebook e ha preso tutto questo entusiasmo per lei? Auguratevi di non avere il complesso di Elettra e di non vivere in conflitto con la vostra onorabile genitrice.

Ma il primo pensiero è: “Sei matto? Perché non ti sposi mia madre, allora?”. In verità, la frase nasconde intenti formidabili. Primo: è la forma più raffinata dell’adulazione a fini di possesso. Secondo: è un modo per fare goal puntando alla traversa anziché guardare dritto alla porta. Terzo: è la tecnica più raffinata per estendere il detto campano “ogni scarafone è bello ‘a mamma soia” ai rapporti suocera-genero.

Last but not least, è un’arma non convenzionale per conquistarne due al prezzo di una. Scusate se è poco: l’harem (virtuale) è già qui.

Share this article

About the author

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may also like

Read in your language

Listen to our podcast

Reserved area

Columns

Write For Us

Job and Future

Not Only Med

Archive

Revolutions

Med Youth Forum

Receive our news

Search

Previous months

Archives
Edit Template

Partnership

Follow Us

Cc.logo.white
All rights reserved © Focusméditerranée | registered at the Court of Milan, Italy (n.182 on 31/3/2011) | Privacy policy