Tunisia, la primavera del non profit

Associaz. Tunisia_640Dopo l’attenzione mediatica sulle rivoluzioni che hanno sconvolto il Nordafrica, è calato il silenzio. Ma in Tunisia, il Paese che ha dato il via al cambiamento, è scoppiata una nuova rivoluzione.

Esiste un’altra Tunisia, ben lontana dall’instabilità politica, dagli omicidi di Belaid e Brahmi e dai tentativi di attentati che hanno fatto temere il ritorno del caos. È la Tunisia della rinascita associativa, che dopo il 14 gennaio 2011 – la data in cui il presidente Zine El-Abidine Ben Ali ha “abdicato” dopo 23 anni al potere –, e dopo due mesi di manifestazioni di piazza ha visto un’espansione incredibile.

«Il numero delle associazioni è aumentato in maniera vertiginosa», spiega Myriam Kefi di Ifeda, il Centro d’Informazione, Formazione, Studio e Documentazione sulle associazioni in Tunisia, una sorta di Agenzia per il Terzo settore che fa da riferimento per il non profit del Paese.
«Si è passati dalle 9.754 realtà del 2010 alle 16.178 registrate a fine 2013, ben 6.424 associazioni in più», ontinua Kefi, sottolineando il boom numerico dell’ultimo triennio.

Continua a leggere l’articolo di Giada Frana su Yalla Italia 

Share this article

About the author

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may also like

Read in your language

Listen to our podcast

Reserved area

Columns

Write For Us

Job and Future

Not Only Med

Archive

Revolutions

Med Youth Forum

Receive our news

Search

Previous months

Archives
Edit Template

Partnership

Follow Us

Cc.logo.white
All rights reserved © Focusméditerranée | registered at the Court of Milan, Italy (n.182 on 31/3/2011) | Privacy policy