Egitto, talenti e fotografia: Ruwan Hamdy

Stefania Angarano Mashrabeya Gallery Cairo.ph. Silvia Dogliani
Stefania Angarano al MIA PHOTO 2024, Milano. Ph. Silvia Dogliani

Stefania Angarano ha sempre cercato talenti in giro per l’Egitto e oltre. La sua Mashrabia Art Gallery al Cairo si distingue da tante altre galleria d’arte per la sua autenticità e l’energia che trasmette. Quest’anno, per la prima volta, Stefania ha deciso di portare a Milano tre artiste singolari per farle conoscere a un pubblico occidentale sensibile alla fotografia: Ruwan Hamdy, Sabah Naim e Najla Said.

Ruwan Hamdy, nata nel 1995, è un’architetta e artista interdisciplinare che si è formata ad Alessandria d’Egitto. Lavora principalmente con la fotografia, applicando una varietà di approcci sperimentali come installazioni, tecniche miste, audio e visivo. È interessata all’ampia intersezione tra architettura, arte e design e trae ispirazione dalla collisione tra le questioni sociali attuali e le sue esperienze personali. Spesso mette in discussione le regole non scritte che plasmano le nostre percezioni, interazioni e comportamenti. Il suo approccio sperimentale le consente di esplorare nuovi modi di utilizzare e riutilizzare immagini e spazi. Il background architettonico di Hamdy ha condizionato la sua percezione dell’ambiente tangibile e intangibile e di come esso ci influenzi con l’obiettivo principale è quello di alterare questa percezione.

“Questo è un lavoro molto sottile, anche forse più concettuale”, spiega Angarano. “Si tratta di un’opera sugli spazi interni e la collocazione del corpo nello spazio. Tuttavia, come si può vedere, è un corpo un po’ sofferente, con questa luce crepuscolare, una cosa molto intima, dove l’evidente disagio è quello che non viene espresso a voce, ma viene poi inciso sul corpo. Queste sulla gamba, sul braccio… sono proprio incisioni, non è scrittura”.
In una delle immagini esposte c’è poi un intruso. “L’intruso è l’unico uomo. Mentre lui è in strada e se la gode seduto accanto ad un tavolino, le ragazze sono all’interno, tutte scomposte nelle loro attitudi di casalinga. In questo lavoro emerge anche una problematica sull’identità e sul genere“.

Leggi anche: Un viaggio “oltre i confini del Mediterraneo”, partendo dal MIA Photo di Milano

Share this article

About the author

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may also like

Read in your language

Listen to our podcast

Reserved area

Columns

Write For Us

Job and Future

Not Only Med

Archive

Revolutions

Med Youth Forum

Receive our news

Search

Previous months

Archives
Edit Template

Partnership

Follow Us

Cc.logo.white
All rights reserved © Focusméditerranée | registered at the Court of Milan, Italy (n.182 on 31/3/2011) | Privacy policy