Criminalità cibernetica: Africa sotto attacco

017052013123844000000crimesceneEgitto, Sud Africa, Marocco, Tunisia e Algeria sono tra i Paesi africani più vulnerabili alla criminalità informatica. Le principali vittime sono le aziende, ma anche i singoli con i loro cellulari. E ovunque, le politiche africane di prevenzione  e difesa  lasciano a desiderare.

A guardare bene la classifica annuale di Symantec Corporation sulla sicurezza di Internet nel mondo, pubblicata lo scorso 16 aprile, si dice che la criminalità informatica è in primo luogo un problema dei ricchi. In realtà, i due Paesi più a rischio sono gli Stati Uniti – tra il 2011 e il 2012 gli attacchi sono aumentati del 42% – e la Cina, la seconda potenza mondiale.

“Le imprese industriali hanno subito attacchi mirati nel 2012, prima che le agenzie governative o le istituzioni”, dice Symantec. Secondo la società, “i criminali informatici cercano altre catene di fornitura e sub-eco-sistemi per accedere ad informazioni sensibili in materia di proprietà intellettuale aziendale e di alto valore”.

Paura sul cellulare.
Tra gli obiettivi principali dei criminali informatici ci sono informazioni riservate, inclusi i dettagli bancari detenuti dalle singole aziende. In questo contesto, gli aggressori stanno prendendo di mira le piccole e medie imprese (PMI), ritenute più vulnerabili. Esse rappresentano quasi il 30% degli attacchi nel 2012 contro il solo 18% nel 2011.

Un altro obiettivo della scelta: cellulari. In un anno, i “malware” (software maligni) sono aumentati del 58% negli “smartphone“. Le loro prede sono principalmente  i dati utente personali contenuti nel telefono e nelle e-mail. Nel 2011, più di un quarto dei principali utilizzatori (27%) hanno riferito di aver subito una violazione della loro casella di posta.

Egitto, primo obiettivo
Con un tasso di penetrazione di oltre il 40% nei cellulari, l’Africa è nel mirino dei criminali informatici. Anche se le imprese continentali non hanno tutte le potenzialità delle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione, gli africani, come singoli individui, possono essere sempre attaccati.

E già le economie di maggior successo del continente appaiono minacciate. Al 27esimo posto nel mondo, l’Egitto  lo Stato più collegato del Continente – è in testa ai Paesi più vulnerabili, con i suoi vicini del Nord Africa, Marocco, Tunisia e Algeria, che si collocano rispettivamente al terzo, quarto e quinto posto. Al secondo gradino della classifica continentale, il Sudafrica, che nel frattempo è diventato il più importante obiettivo del sud.

Continua a leggere su Jeuneafrique.com

Share this article

About the author

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may also like

Read in your language

Listen to our podcast

Reserved area

Columns

Write For Us

Job and Future

Not Only Med

Archive

Revolutions

Med Youth Forum

Receive our news

Search

Previous months

Archives
Edit Template

Partnership

Follow Us

Cc.logo.white
All rights reserved © Focusméditerranée | registered at the Court of Milan, Italy (n.182 on 31/3/2011) | Privacy policy