Social network: reclutatori ancora esitanti

E’ questo il titolo di un interessante articolo de Le Figaro che approfondisce i metodi di reclutamento lavorativi nell’era dei social network.  Nonostante questi ultimi stiano acquisendo sempre maggiore importanza nel mondo della comunicazione, i reclutatori resteranno fedeli nei prossimi anni ai metodi tradizionali.  E’ quanto emerge da uno studio Ipsos e Viadeo secondo cui curriculum vitae e colloquio faccia a faccia costituiscono ancora il miglior modo per scegliere un proprio futuro dipendente.

Certo, la maggior parte delle risorse umane in azienda (77%) ritiene che l’importanza dei social network professionali aumenteranno nei prossimi cinque anni: si prevede, per esempio, un aumento del 54% delle grandi piattaforme pubbliche, come Facebook. Tuttavia, alla domanda “cosa faresti con un budget di milioni di euro?” la prima risposta è “investire nel personale in servizio” (55%) e “organizzare attività nelle scuole e nelle università” (49 %).

Per il momento, sembra che i social network siano utilizzati principalmente per perfezionare l’immagine di “marchio di lavoro”, raramente per scegliere i candidati. Con una carenza di competenze altamente qualificate e con piccoli budget a disposizione, le risorse umane preferiscono altri modi di reclutamento.

“Non è un caso che le aziende dicano che continueranno a concentrarsi sulle relazioni con le scuole”, ha dichiarato Jean-Baptiste Aloy, vice amministratore delegato di Ipsos. “Uno dei punti di forza di questi incontri è che si può facilmente misurare il ritorno sugli investimenti in numero di raccolte CV o interviste. Con Facebook e Twitter è tutto più complicato”.

Per Laurent Brouat, direttore associato di Umani Link (società di consulenza di reclutamento), “i social network, anche se  considerati promettenti e moderni, tuttavia, allo stesso tempo, non permettono ai reclutatori di avere risultati a breve termine. Sappiamo che questi nuovi strumenti del Web 2.0 sono lenti a pagare”.

Pare dunque lontano il momento dell’abbandono del CV per lasciar posto alla realtà pur sempre virtuale dei social media. E se cominciassimo a ripensare ad un mondo non socialmente in rete, sarebbe una utopia? Voi cosa dite?

Share this article

About the author

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may also like

Read in your language

Listen to our podcast

Coming Soon

Reserved area

Columns

Write For Us

Job and Future

Not Only Med

Archive

Revolutions

Med Youth Forum

Receive our news

Search

Previous months

Archives
Edit Template

Partnership

All rights reserved © Focusméditerranée | registered at the Court of Milan, Italy (n.182 on 31/3/2011) | Privacy policy