DoveStiamoAndando? A vedere come il web produce più illegalità

markus-spiske-Internet-unsplash
Ph. Markus Spiske – Unsplash

MILANO – Un’osservazione che specialmente negli ultimi anni si sente ripetere è che del (presunto) peggioramento della sicurezza collettiva la responsabilità maggiore risalirebbe alla Rete (A pensarci bene, niente di sostanzialmente nuovo: ieri, era della televisione, l’altro ieri dei giornali etc etc).

Avvocata Lidia Lo Giudice, davvero la rete influenza sulla quantità e qualità dei reati?
Internet ha sconvolto il modo e ce lo ha messo a disposizione il mondo, nel bene e nel male. Truffe, hacker che rubano dati e li inseriscono nel dark web dove i crimini non conoscono limite, cyber bullismo, foto intime pubblicate per vendetta, traffici di droga e di ogni altro genere nessuno escluso. Le droghe leggere non esistono più, sono sempre potenziate da additivi chimici, la canna di 40 anni fa era tutt’altro, lo spaccio nel parco è ormai solo per tossicodipendenti tipo anni ’80.

Possibili rimedi?

philipp-katzenberger-web-unsplash(1)_640
Ph. Philipp Katzenberger – Unsplash

Renderci conto che nello spazio virtuale ci sono spazi e ambienti da evitare, esattamente come in quello reale; e, almeno altrettanto importante, non farci superare dai criminali nella conoscenza, diffusione, uso del mezzo informatico.

C’è bisogno di più controlli su bambini e adolescenti?
Direi che c’è bisogno di controlli più intelligenti: non demonizzare, stare nella realtà, essere informati, evitare consigli ridicoli (tipo “Non parlare con estranei”), o provvedimenti potenzialmente controproducenti (tipo “non ti compro il cellulare” – e se incappi in un incidente, o un’aggressione, o ti perdi?); il punto è che devi sapere chi siano gli amici dei nostri figli in rete e nella realtà. Le risse tra adolescenti ci sono non perché i-ragazzi-di-oggi siano tutti criminali, ma perché oggi scoprono la violenza tutta insieme, di colpo, come la sessualità; la violenza è nei videogiochi, i Social a volte possono essere l’equivalente di una macchina da corsa in mano a un ragazzino.

ludovic-toinel-internet-adolescenti-unsplash
Ph. Ludovic Toinel -Unsplash

La ‘ndrangheta al nord Italia sembra ormai stabile
Sì, da una 30ina di anni. Traffico di stupefacenti e di rifiuti tossici, estorsione, riciclaggio, frode fiscale, vendita di crediti d’imposta fittizi, reati informatici, soldi riciclati in genere nel commercio o nell’edilizia, numero crescente di laureati all’apparenza insospettabili. Ridimensionato invece per il racket della prostituzione, che si esercita sempre meno per strada, piuttosto in appartamenti o alberghi, sovente in modo non continuativo e non sempre per obbligo. Rispetto a mafia e camorra, la ‘ndrangheta ha maggiori disponibilità economiche, è più ermetica, meno in contatto con la modernità, è basata su legami di sangue e vincoli rafforzati da matrimoni fra famiglie, rarissimi i pentiti. Dal ’91 ad oggi, sciolti per criminalità organizzata ben 350 Comuni in Italia. Ma senza la complicità oggettiva dei residenti, che obbedivano ai soprusi e chinavano il capo, non saremmo arrivati a questo punto.

bermix-studio-illegal-web-unsplash(1)_640
Ph. Bermix Studio -Unsplash

Perché fai l’avvocato?
È la professione più bella del mondo, aiuti tuo fratello a uscire dall’ingiustizia; peccato non ci siano gli strumenti adeguati per svolgerlo al meglio.

Cosa vuol dire?
Che facciamo tutto sulla falsariga anglosassone senza averne però gli strumenti, così succede pure che cancellieri siano penne, i ragazzi delle forze dell’ordine in 4 in una stanza con dei computer obsoleti, se c’è un corto circuito prende fuoco la caserma. C’è urgente bisogno di rendere tutto telematico, in Europa lo è da sempre, sia nel civile sia nel penale; da noi è limitato al civile. Una volta l’avvocato era Demostene, oratore; ora è un mediatore con la legge.

Le qualità di un buon avvocato?
Psicologia e buonsenso, non in maniera amorale e non solo per amore di parcella. Devi far ragionare il cliente, dirgli la verità, l’ho constatato con tutti i miei clienti, compreso il cantante Morgan che ha fama di volubile e capriccioso, in realtà è molto lucido, equilibrato. Oggi la meta è concludere in sede di mediazione, ti fa risparmiare in tempo e danaro, purtroppo è ammessa solo in ambito civilistico. Ma un altro problema è che – come diceva mio padre – a volte il peggior nemico dell’avvocato può essere il cliente, perché pretende tutto, non si rende conto della realtà e delle dinamiche legali.

LEGGI ANCHE: DoveStiamoAndando: a scoprire come cambia il mondo dell’illegalità in Italia

Share this article

About the author

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may also like

Read in your language

Listen to our podcast

Coming Soon

Reserved area

Columns

Write For Us

Job and Future

Not Only Med

Archive

Revolutions

Med Youth Forum

Receive our news

Search

Previous months

Archives
Edit Template

Partnership

All rights reserved © Focusméditerranée | registered at the Court of Milan, Italy (n.182 on 31/3/2011) | Privacy policy