Ornella Rota

Author's details

Name: Ornella Rota
Date registered: 5 September 2011

Latest posts

  1. DoveStiamoAndando? Verso l’incubo del nuovo Uomo Nero — 26 March 2020
  2. Covid-19. Riflessioni di Rania Hammad — 19 March 2020
  3. DoveStiamoAndando? A utilizzare tutte le parole del mondo — 13 February 2020
  4. DoveStiamoAndando? A gustare i sapori del mondo — 16 January 2020
  5. DoveStiamoAndando? A ricuperare il passato per costruire il futuro — 19 December 2019

Most commented posts

  1. DoveStiamoAndando? A conoscere la Cambogia con l’aiuto di Pirandello — 2 comments
  2. Dove stiamo andando? Verso una società plurale — 2 comments
  3. Dove stiamo andando? A lavorare insieme — 2 comments
  4. DoveStiamoAndando? A curarci con gli animali: la zooterapia parla italiano nella terra di Didone — 2 comments
  5. DoveStiamoAndando? Tra guerre e terremoti, a provare compassione anche per gli ultimi degli ultimi — 2 comments

Author's posts listings

DoveStiamoAndando? Verso l’incubo del nuovo Uomo Nero

The Nightmare (1781), Johann Heinrich Füssli

(Uomo nero – Prima puntata)

Roma – Scampati a un incidente aereo e finiti su un’isola disabitata, un gruppo di bambini cerca di sopravvivere. Ralph li invita a organizzarsi in vista delle future difficoltà, ammonendo a tenere anche un fuoco acceso per richiamare l’attenzione di eventuali navi di passaggio. Jack li invita piuttosto a imporsi con la forza su altri gruppi eventualmente presenti, a combattere uniti contro un essere misterioso, incombente, minaccioso (“La Bestia”). Con il passare dei giorni, i seguaci di Ralph si assottigliano, quelli di Jack diventano sempre più numerosi; la banalissima atavica stramaledetta “paura dell’uomo nero” è sempre efficace.
Pubblicato nel 1954 negli Stati Uniti senza gran successo (circa 3mila copie vendute), Il signore delle moschedi William Golding, rieditato 5 anni dopo, ne vendette oltre 14 milioni e valse all’autore il Nobel per la letteratura 1983.

Chi è, l’Uomo Nero?

Leggi ora »

Covid-19. Riflessioni di Rania Hammad


Conosco Rania Hammad da quando, bambina, sovente seguiva il padre (un diplomatico palestinese molto attivo per la pace) nei suoi dibattiti in mezza Italia. Sono passati una trentina di anni poco più poco meno, nei quali si è laureata in Scienze Politiche e ha conseguito un Master in Relazioni Internazionali, ha insegnato Relazioni Internazionali alla S. John’s University, ha scritto i libri “Palestina nel cuore” e “Vita tua Vita mea” (Sinnos ed), si è sposata, ha avuto due figlie. Ha militato – e continua tuttora – per il suo Paese e per la pace nel suo Paese; ha respirato da subito l’aria del mondo e lo ha percorso.

Ma le è rimasto uguale quel modo di guardare che sembra giudicarti e al contempo chiederti cosa pensi di lei. Scrive molto bene (italiano, arabo, inglese), ha anche firmato la prefazione al mio libro “L’incantesimo dei tanti mondi – Conversazioni con Vincenzo Parma”. Eppure ogni volta, parlando di libri ti chiede, con un’espressione seria seria: “Davvero pensi che io non sia così male??!”

No, Rania. Proprio no. Anzi, il contrario.

Così, quando mi ha mandato da leggere queste sue riflessioni, di slancio le ho proposte alla direttrice Silvia Dogliani, che le ha subito approvate.

Eccole.

Leggi ora »

DoveStiamoAndando? A utilizzare tutte le parole del mondo

ROMA – La purezza della lingua, si dice. Ma quando mai. È come per la cucina: siamo tutti mischiati, tutti imparentati, tutti bastardi. Detto questo, infarcire di parole straniere il linguaggio nel quale stai parlando dimostra solamente che non conosci abbastanza per utilizzarlo compiutamente.

Comunque, tolti di mezzo eventuali carenze e probabili provincialismi, il fatto è che le lingue rimangono vive se accettano di contaminarsi con altre e di adeguarsi ai mutamenti sociali. Lo constatiamo con gli idiomi neo latini (italiano francese spagnolo portoghese rumeno), nelle nazioni del bacino mediterraneo, e nei vari Paesi un po’ ovunque.

Leggi ora »

DoveStiamoAndando? A gustare i sapori del mondo

ROMA – Mai incontrato connazionali che, in viaggio all’estero, cercano un ristorante italiano? E chi, in patria, rifiuta di assaggiare cibi di altri Paesi? C’è qualcosa di più di obiettiva ottusità: la solita, maledetta paura di quel che non si conosce, di quel che è diverso. Si trattasse solamente di gusti e palato, uno/a assaggerebbe, prima di decidere; se poi rifiuta, almeno sa cosa. Deve essere molto fragile, questa identità, se bisogna proteggerla persino dall’essere curiosi. Emergono ataviche ossessioni: Se-mangio-il-tuo-cibo-rischio-di-diventare-come-te, e/o Se accetto il tuo cibo finirò per accettare anche te – invece no, sia mai, non passa lo straniero, appunto.

Leggi ora »

Older posts «